Palermo: nasce il gruppo provinciale di Più Europa :ilSicilia.it
Palermo

PRESENTE ANCHE FABRIZIO FERRANDELLI

Palermo: nasce il gruppo provinciale di Più Europa

di
28 Agosto 2019

Più Europa continua il suo processo di crescita e diffusione sul territorio, dando il via al proprio coordinamento provinciale a Palermo. In una nota ufficiale diffusa dal partito, si legge che “si è costituito ieri, presso la sede regionale Siciliana, il Gruppo Più Europa dell’area metropolitana di Palermo. A coordinare il gruppo sarà il consigliere comunale Cesare Mattaliano, affiancato dalla tesoriera Monica Bracco e dal responsabile comunicazione Pietro Somma“.

Più Europa PalermoIl coordinamento ha poi affidato la segreteria cittadina all’avvocato Leonardo Canto, ex presidente della VI circoscrizione di Palermo, che sarà affiancato dai due consiglieri, ciascuno con delega di vice-segretario, Nino Tuzzolino e Fabio Pernice. Nel corso delle prossime settimane saranno anche ufficializzati i coordinatori delle singole circoscrizioni e delle aree tematiche.

Presenti all’incontro anche il componente della segreteria nazionale Fabrizio Ferrandelli e della direzione Riccardo Galioto, che hanno augurato buon lavoro ai partecipanti.

Primo appuntamento per il neonato gruppo provinciale di Più Europa fissato per sabato 14 settembre in via Magliocco a Palermo, per il lancio cittadino della raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare “Figli Costituenti”, che mira a inserire in Costituzione il principio dell’equità generazionale, dello sviluppo sostenibile e della tutela ambientale di ogni provvedimento legislativo da adottare e attuare.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.