Palermo. Natura, giochi e cultura: il programma della "Festa del Verde" :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento sabato 28 aprile

Palermo. Natura, giochi e cultura: il programma della “Festa del Verde”

di
27 Aprile 2018

Si terrà sabato 28 aprile, la “Festa del Verde”, dalle 10 in poi al giardino Vincenzo Florio, già Case Rocca, nel Parco della Favorita, in viale del Fante. I promotori dell’iniziativa Giorgio Albanese dell’associazione Isola Felice ed Enza Macaluso del Laboratorio Verde di Fare Ambiente Palermo, affermano: “L’obiettivo è quello di fare avvicinare le famiglie e i bambini agli spazi verdi cittadini, che purtroppo non sono molti. E vorremmo un giorno poter organizzare una manifestazione del genere nello spazio adiacente che per ora ospita il campo nomadi – afferma Albanese che continua – non dimentichiamo che invece è una riserva naturale che si trova all’interno di uno dei più importanti e più grandi parchi d’Europa“.

Sarà un momento di condivisione con tante associazioni che stanno organizzando diverse attività che coinvolgeranno adulti e bambini – dice Enza Macalusoè importante educare i più piccoli sin dalla scuola elementare a rispettare l’ambiente, nel nostro stand stiamo organizzando il gioco dell’oca finalizzato al riciclo, argomento oggi più che mai fondamentale“.

isola felice palermoSarà un momento di partecipazione collettiva dove i cittadini palermitani vivranno il contatto con la natura un’occasione di condivisione tra associazioni naturalistiche, di volontariato, sportive dilettantistiche, civiche, di categoria, culturali, scuole, organizzazioni no profit e famiglie, tutti legati da un unico filo conduttore vivere il verde negli spazi cittadini.

Il prato diventerà il “palcoscenico naturale” che ospiterà, per un giorno, tutti i partecipanti e su di esso le diverse associazioni riempiranno, con i loro contenuti, il programma della Festa. Le associazioni aderenti, riuniti in un cerchio, avranno modo di far conoscere ai visitatori le loro attività ed, inoltre, avranno la possibilità di arricchire l’evento con dei contributi: rappresentazioni, balli, cori, poesie, dipinti, manufatti, spettacoli ginnici.

La festa sarà arricchita da altri momenti di partecipazione collettiva coinvolgendo pure i bambini delle scuole i quali “adotteranno la natura”, verrà assegnato un tavolo tematico, dove in presenza anche di un esperto del settore, illustreranno, per tutta la durata della Festa, l’importanza e le proprietà di un prodotto della “madre natura”, essa costituirà una occasione estremamente educativa per i bambini che avranno pure l’occasione di interagire con il pubblico.

Canti, balli, passeggiate e giochi costituiranno gli elementi della manifestazione che si concluderà in un girotondo collettivo sul prato, simbolo della fratellanza e della pace che deve regnare tra i popoli.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.