22 maggio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.03
caronte manchette
caronte manchette
Palermo

Dopo l'incontro con il rettore Fabrizio Micari

Palermo: nessun servizio mensa per gli studenti di Scienze Politiche, insorge la protesta

16 maggio 2018

È in atto una protesta dell’ “Assemblea Studenti di Scienze Politiche in Lotta” che hanno occupato un’aula inutilizzata al piano terra del Collegio San Rocco, sede della facoltà, per protestare sull’esito dell’incontro di questa mattina con il rettore Fabrizio Micari, a Palazzo Steri, avente come tema principale la questione servizio mensa per gli universitari che seguono le lezioni all’interno dello storico Collegio sito in via Maqueda.

università degli studi di PalermoQuesta mattina, infatti, gli studenti non hanno riscontrato nessun avanzamento e nessuna proposta da parte del Rettore sulla loro richiesta di avere un servizio mensa che non è mai stato previsto per gli universitari che seguono le lezioni in centro storico (scienze politiche, giurisprudenza) a differenza del viale delle Scienze.

L’azione si delinea, dunque, come una risposta alle promesse non ancora mantenute del Rettore Fabrizio Micari che ad oggi non garantisce tale servizio di base agli studenti della facoltà sebbene mesi addietro “abbia affermato un suo pieno impegno per una solerte risoluzione”  viene riportato nella nota diffusa dagli stessi studenti.

A cinque anni dal crollo strutturale del Collegio e dopo esser stati costretti a seguire le lezioni in una sede temporanea in forte condizione di disagio, grazie a mobilitazioni e rimostranze, gli studenti tornarono nella propria sede, ma lo stabile che venne loro consegnato fu uno spazio incompleto e con una grave assenza di servizi fra cui quello, per l’appunto, relativo alla mensa, tanto reclamato quanto falsamente promesso.

La costituzione dell’”assemblea degli studenti di scienze politiche “nasce proprio in seno a questa situazione e con l’intento di trovare collettivamente delle soluzioni reali ai disservizi e, in generale, ai problemi che a tutto tondo gravano sugli studenti, andando oltre le soluzioni tampone proposte e imposte dalla Governance universitaria.

università degli studi di PalermoSiamo convinti che all’origine di tale situazione vi siano delle precise scelte economico-politiche che, nel nostro caso specifico, legittimano il definanziamento degli Atenei del Sud e, in generale, puntano all’inaccettabile smantellamento dell’Università Statale” afferma Alessandro Tagliarini, studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali e portavoce dell’Assemblea Studenti di Scienze Politiche in Lotta – che continua – “Sin troppo stanchi delle continue promesse non mantenute, al sapore di raggiro, abbiamo deciso di portare una protesta simbolica all’interno dei locali della facoltà per attirare l’attenzione pubblica su questa nostra lotta.

Noi paghiamo le tasse come gli studenti le cui facoltà sono all’interno del viale delle Scienze , dunque crediamo che debba essere garantito anche a noi un servizio mensa e tutti i servizi adeguati”.

In assenza della mensa, infatti, siamo ogni giorno costretti a spendere soldi fra un bar e l’altro o, in alternativa, a portare un porta pranzo da casa riducendo così la sala lettura in una sala pranzo. Non è assolutamente una condizione accettabile e sostenibile, non chiediamo la luna ma un servizio di base e fondamentale relativo al nostro status, non chiediamo assurdità ma solo ciò che ci spetta di diritto considerando anche i costi, sempre più elevati, delle tasse universitarie cui noi e le nostre famiglie incorriamo ogni anno” afferma Annalisa Laudicella, anche lei iscritta al corso Scienze Politiche e Relazioni Internazionali anche lei portavoce dell’Assemblea Studenti di Scienze Politiche in Lotta.

 

Tag:
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.