Palermo: non bastano i cantieri, Centro chiuso al traffico fino a Natale :ilSicilia.it
Palermo

Via Ruggiero Settimo sarà pedonale

Palermo: non bastano i cantieri, Centro chiuso al traffico fino a Natale

5 Ottobre 2019
Foto M.G.
'
'
Foto FB

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Non bastavano gli enormi ritardi per i cantieri infiniti dell’Anello ferroviario. A Palermo andrà in scena a breve un “inverno di passione” per il traffico urbano: oltre alle ruspe e alle transenne del nuovo cantiere in piena Piazza Politeama (che resterà chiusa per i prossimi 12 mesi), l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania ha deciso di chiudere anche la centralissima via Ruggiero Settimo.

La strada sarà infatti transennata in tutti i weekend fino a dicembre, per consentire i tradizionali acquisti di Natale. Una consuetudine che tuttavia quest’anno – proprio per la concomitanza del nuovo cantiere – potrebbe causare notevoli disagi agli automobilisti.

In un primo momento, in realtà, l’Ufficio Traffico aveva stabilito – con Ordinanza n. 1128 del 20 settembre 2019 per i nuovi lavori dell’Anello ferroviario – la sospensione della pedonalizzazione dell’asse Ruggiero Settimo nelle giornate di sabato e festive, quale percorso alternativo susseguente la chiusura della via Emerico Amari, disposta per consentire la cantierizzazione nella c.d. Area 6″.

via Ruggiero Settimo

Invece adesso l’Assessore Catania ha chiesto il dietrofront, “per mantenere la chiusura della via Ruggiero Settimo nelle giornate di sabato e festive, contestualmente alla chiusura della via Emerico Amari, attesa la notevole mole di pedoni che in tali giorni affollano la strada, secondo una consuetudine ormai consolidata”, si legge nell’ordinanza n. 1183 del 03/10/2019.

Insomma un provvedimento che farà storcere il naso a molti, dato che i percorsi alternativi non sarebbero in grado di smaltire il più intenso traffico pre-natalizio.

In pratica per chi è in via Paternostro e vuole scendere verso piazza Castelnuovo troverà (come avviene già da tempo) le transenne del cantiere dell’Anello, e sarà obbligato a svoltare su via Garzilli; da via Garzilli, le auto saranno obbligate a svoltare a sinistra su via Dante. Abolito il breve tratto di doppio senso “a scendere” in direzione Politeama. Le auto quindi da via Dante giungeranno a piazza Virgilio e – per andare in Centro – dovranno scendere dalle vie Nicolò Turrisi, Volturno e Cavour.

Giusto Catania

Contattato da ilSicilia.it, l’assessore Catania spiega che si tratta “di un provvedimento in continuità con gli ultimi 10-15 anni, con una pedonalizzazione che è risultata un successo, apprezzata dai palermitani. Non c’è stato alcun pressing dai commercianti, solo una mia scelta in continuità col passato. Il cantiere dell’Anello non dovrebbe incidere più di tanto.

Ben vengano le pedonalizzazioni, ma forse potrebbero mancare dei validi percorsi alternativi: “Non è vero – risponde Catania – perché il traffico sarà dirottato su via Cavour”. Un po’ rischioso forse poiché si rischia di ingolfare l’intera area del Teatro Massimo.

Ci sarà un nuovo dietrofront? Staremo a vedere.

La proposta del presidente della VIII circoscrizione Marco Frasca Polara

marco-frasca-polaraPer mantenere nei fine settimana l’isola pedonale in via Ruggero Settimo occorrerebbe istituire il doppio senso di marcia in via Turati e far confluire i mezzi provenienti da via Libertà in piazza Sturzo oltre che in via Dante. In questo modo si agevolerebbe la circolazione e si eviterebbero gli ingorghi in via Dante. Da quando è partito il nuovo cantiere riceviamo continue segnalazione e proposte da parte dei cittadini. La situazione rimane critica“.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.