Palermo: non bastano i cantieri, Centro chiuso al traffico fino a Natale :ilSicilia.it
Palermo

Via Ruggiero Settimo sarà pedonale

Palermo: non bastano i cantieri, Centro chiuso al traffico fino a Natale

di
5 Ottobre 2019
Foto M.G.
Foto FB

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Non bastavano gli enormi ritardi per i cantieri infiniti dell’Anello ferroviario. A Palermo andrà in scena a breve un “inverno di passione” per il traffico urbano: oltre alle ruspe e alle transenne del nuovo cantiere in piena Piazza Politeama (che resterà chiusa per i prossimi 12 mesi), l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania ha deciso di chiudere anche la centralissima via Ruggiero Settimo.

La strada sarà infatti transennata in tutti i weekend fino a dicembre, per consentire i tradizionali acquisti di Natale. Una consuetudine che tuttavia quest’anno – proprio per la concomitanza del nuovo cantiere – potrebbe causare notevoli disagi agli automobilisti.

In un primo momento, in realtà, l’Ufficio Traffico aveva stabilito – con Ordinanza n. 1128 del 20 settembre 2019 per i nuovi lavori dell’Anello ferroviario – la sospensione della pedonalizzazione dell’asse Ruggiero Settimo nelle giornate di sabato e festive, quale percorso alternativo susseguente la chiusura della via Emerico Amari, disposta per consentire la cantierizzazione nella c.d. Area 6″.

via Ruggiero Settimo

Invece adesso l’Assessore Catania ha chiesto il dietrofront, “per mantenere la chiusura della via Ruggiero Settimo nelle giornate di sabato e festive, contestualmente alla chiusura della via Emerico Amari, attesa la notevole mole di pedoni che in tali giorni affollano la strada, secondo una consuetudine ormai consolidata”, si legge nell’ordinanza n. 1183 del 03/10/2019.

Insomma un provvedimento che farà storcere il naso a molti, dato che i percorsi alternativi non sarebbero in grado di smaltire il più intenso traffico pre-natalizio.

In pratica per chi è in via Paternostro e vuole scendere verso piazza Castelnuovo troverà (come avviene già da tempo) le transenne del cantiere dell’Anello, e sarà obbligato a svoltare su via Garzilli; da via Garzilli, le auto saranno obbligate a svoltare a sinistra su via Dante. Abolito il breve tratto di doppio senso “a scendere” in direzione Politeama. Le auto quindi da via Dante giungeranno a piazza Virgilio e – per andare in Centro – dovranno scendere dalle vie Nicolò Turrisi, Volturno e Cavour.

Giusto Catania

Contattato da ilSicilia.it, l’assessore Catania spiega che si tratta “di un provvedimento in continuità con gli ultimi 10-15 anni, con una pedonalizzazione che è risultata un successo, apprezzata dai palermitani. Non c’è stato alcun pressing dai commercianti, solo una mia scelta in continuità col passato. Il cantiere dell’Anello non dovrebbe incidere più di tanto.

Ben vengano le pedonalizzazioni, ma forse potrebbero mancare dei validi percorsi alternativi: “Non è vero – risponde Catania – perché il traffico sarà dirottato su via Cavour”. Un po’ rischioso forse poiché si rischia di ingolfare l’intera area del Teatro Massimo.

Ci sarà un nuovo dietrofront? Staremo a vedere.

La proposta del presidente della VIII circoscrizione Marco Frasca Polara

marco-frasca-polaraPer mantenere nei fine settimana l’isola pedonale in via Ruggero Settimo occorrerebbe istituire il doppio senso di marcia in via Turati e far confluire i mezzi provenienti da via Libertà in piazza Sturzo oltre che in via Dante. In questo modo si agevolerebbe la circolazione e si eviterebbero gli ingorghi in via Dante. Da quando è partito il nuovo cantiere riceviamo continue segnalazione e proposte da parte dei cittadini. La situazione rimane critica“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.