Palermo: non resiste al "ciavuru" delle “stigghiole” ed evade dai domiciliari :ilSicilia.it
Palermo

il fatto, lo scorso 1 maggio

Palermo: non resiste al “ciavuru” delle “stigghiole” ed evade dai domiciliari

di
28 Ottobre 2020

Certi “richiami” e “peccati di gola” non sono facilmente resistibili a Palermo. Nella città incoronata capitale italiana dello street food (e addirittura la quinta città al mondo), può accadere anche qualcosa di davvero singolare.

In pieno lockdown, lo scorso 1 maggio, quando ancora vigevano misure restrittive in tutta Italia, in un residence in zona Pagliarelli un palermitano si è messo ad arrostire stigghiole, piatto tipico della cucina siciliana e palermitana, che ha come ingrediente base le budella (in particolare quelle di agnello) e che «come tale gode di riconoscimento ufficiale, grazie all’inserimento nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali».

In tale contesto, «inebriato dall’odore dei fumi delle “stigghiole”, il signor ***** non ha saputo resistere al desiderio di degustare appieno la sapidità della “stigghiola” scottata, appena arrostita sulla brace, e si è portato nell’uscio della propria abitazione (all’interno della recinzione del proprio lotto, situata all’interno del residence), dove è stato visto, in tuta, dai Carabinieri che dal cancello principale esterno, avevano suonato alla sua abitazione per eseguire un ordinario controllo». 

Così l’avvocato Gioacchino Genchi ripercorre le fasi dell’evasione dai domiciliari del suo assistito.

Gioacchino GenchiNella sua memoria difensiva, il legale scrive: «Un peccato di gola che gli è costato l’arresto in flagranza del reato di evasione, convalidato dal Giudice che, con molto buon senso, non ha ritenuto di applicare all’indagato alcuna misura cautelare, “non ricorrendo nessuna delle esigenze di cui all’art. 274, lettera c), c.p.p.”, tenuto conto “delle dichiarazioni interamente confessorie dell’arrestato” in ordine all’effettivo verificarsi dei fatti, oltre all’assoluta “occasionalità dell’episodio”, che dalle “modalità dell’azione” lasciava comunque ritenere “una non allarmante capacità a delinquere dell’arrestato”. Per le predette ragioni, il Giudice ha anche disposto “l’immediata liberazione dell’arrestato, se non detenuto per altra causa”.

Alla luce degli elementi considerati, l’isolato episodio di cui è stato protagonista, pur non potendo certamente costituire motivo di encomio o di ricompensa, appare del tutto banale ed isolato, tenuto conto del frangente e delle modalità con cui si è verificato. Peraltro, in relazione al contesto reato di evasione, il signor ***** non è stato ancora giudicato dal Tribunale di Palermo, nemmeno con sentenza di primo grado, talché deve applicandosi in suo favore il principio costituzionale della presunzione di innocenza, come per qualunque altro cittadino imputato. Nel caso di specie, non ricorre alcun ulteriore elemento rispetto alla vicenda, alquanto banale, dell’affaccio del giudicato all’uscio di casa, per degustare la prelibatezza della “stigghiola” appena scottata sulla griglia, all’ora di pranzo della giornata del 1° maggio. Per tale ragione, nell’ottica di favorire la rieducazione e l’inserimento sociale del condannato, si fa istanza all’On. Tribunale affinché venga ripristinata in favore del condannato l’autorizzazione al lavoro esterno, con le medesime modalità preesistenti alla revoca del beneficio».

Così ha concluso l’avvocato: «Sicuramente un peccato di gola ma nessun reato, né alcuna violazione del regime detentivo domiciliare».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin