Palermo, nuova ordinanza di Orlando: "Panifici aperti la domenica solo per mezza giornata" :ilSicilia.it

soddisfatte le associazioni di categoria

Palermo, nuova ordinanza di Orlando: “Panifici aperti la domenica solo per mezza giornata”

di
16 Ottobre 2020

Dal prossimo 18 ottobre le attività di panificazione da parte degli esercenti autorizzati potranno svolgersi a Palermo anche la domenica, perché cessino entro le ore 14.

Lo ha deciso il sindaco Leoluca Orlando che ha firmato una apposita ordinanza emessa su proposta dell’assessore Leopoldo Piampiano e che arriva dopo un confronto con le associazioni di categoria.

Il divieto di panificazione sarà valido quindi la domenica pomeriggio e, questa l’altra novità, il mercoledì pomeriggio. Il provvedimento, che sarà in vigore fino al prossimo 15 giugno 2021, interviene così per regolamentare gli orari dopo che un decreto regionale aveva imposto la chiusura domenicale.

“Si è trovata una soluzione di compromesso – afferma il sindaco – che è frutto di un lavoro di ascolto e dialogo con le associazioni svolto dall’assessorato e che certamente contribuirà a contestare più efficacemente l’abusivismo e la tutela dei consumatori”.

paneCONFESERCENTI: “Ascoltate le esigenze della categoria”

Due chiusure pomeridiane al posto dell’intera giornata di domenica: dal 18 ottobre il divieto di panificazione sarà in vigore dalle 14 in poi di mercoledì e domenica.

“Da Palermo grazie all’attenzione dell’assessore Piampiano e del sindaco Orlando, parte una soluzione che garantisce e mette d’accordo tutti: imprese sane, lavoratori, cittadini – dice il direttore regionale di Confesercenti, Michele Sorbera -. E’ un’ordinanza che, nell’attesa di una modifica al decreto regionale sulla panificazione richiesta da più parti, può garantire il rispetto della norma anche nelle grandi città, senza danneggiare le imprese, permettendo una turnazione e il riposo settimanale e mettendo al contempo un freno al rischio di favorire la panificazione abusiva”.

Soddisfazione anche da parte di Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo: “Un plauso a tutta l’amministrazione comunale e in particolare al sindaco Leoluca Orlando e all’assessore alle Attività produttive Leopoldo Piampiano, che hanno dimostrato una grande disponibilità e sensibilità nell’affrontare uno dei problemi che più affliggeva la categoria dei panificatori. Grazie a questa ordinanza non andrà persa l’intera giornata lavorativa della domenica, la più importante per chi lavora nel settore e sarà tutelata la salute dei clienti che potranno acquistare prodotti sicuri”.

“Si tratta di un primo passo per lavorare più serenamente – dice Nino Buscemi, storico leader dei panificatori a Palermo – specialmente in questo momento di forte crisi. La domenica rappresenta per noi una giornata di lavoro fondamentale, durante la quale riusciamo spesso a recuperare per affrontare le spese settimanali. Siamo lieti di aver raggiunto questo primo traguardo e ringraziamo chi ha preso a cuore la nostra causa. L’applicazione della norma sul divieto di panificazione domenicale avrebbe penalizzato ulteriormente tutte le attività artigiane del settore che garantiscono ai consumatori un prodotto di qualità”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.