Palermo, nuove restrizioni in vista dal week end. Il Prefetto: "Necessario maggiore distanziamento" :ilSicilia.it

Le parole di Forlani

Palermo, nuove restrizioni in vista dal week end. Il Prefetto: “Necessario maggiore distanziamento”

di
20 Ottobre 2020

“Nei prossimi giorni dopo ulteriori valutazioni sia in alcune zone di Palermo che nelle palestre e nelle piscine sara’ emesso un provvedimento del sindaco, ma condiviso con la prefettura e le autorita’ sanitarie che andra’ verso un rafforzamento dei controlli per assicurare un maggiore distanziamento sociale. Il provvedimento potrebbe arrivare venerdi’. Il virus cammina sulle gambe delle persone e occorre ed e’ necessario aumentare il distanziamento tra la popolazione. La curva si sta alzando c’e’ preoccupazione, ma c’e’ la possibilita’ e bisogna fare di tutto per abbassarla”. Lo ha detto il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani a conclusione del comitato dell’ordine e sicurezza che si e’ svolto oggi in videoconferenza a cui hanno preso parte il Comune, l’Asp e le forze dell’ordine, la Regione.

“Bisogna iniziare uno screening di massa della popolazione e domani ci sara’ un incontro tra i sindaci e l’assessore per stabilire le modalita’. Si deve potenziare la ricerca dei positivi prima che arrivino in ospedale cosi’ da limitare l’afflusso nei pronto soccorso e nelle terapie intensive – ha aggiunto il prefetto – Bisogna iniziare anche una campagna di comunicazione e di informazione efficace nelle scuole per sensibilizzare il piu’ possibile su cosa vuol dire un contatto e la diffusione del contagio. Abbiamo gia’ messo in movimento la risposta ospedaliera e anche quella territoriale. C’e’ massima attenzione in queste ore per la curva del virus. Il provvedimento sara’ proporzionale e sara’ adeguato alla situazione nel rispetto dell’ultimo dpcm del governo e dei provvedimento adottati dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.