Palermo, occupata aula consiliare: protesta per il non voto su piano triennale opere pubbliche :ilSicilia.it
Palermo

il disappunto a Sala delle Lapidi

Palermo, occupata aula consiliare: protesta per il non voto su piano triennale opere pubbliche

di
11 Novembre 2021

I consiglieri di quella che era la maggioranza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, formata da Partito Democratico, Sinistra Comune e Avanti Insieme, con il sostegno a sorpresa del Movimento 5 stelle sempre critico verso l’amministrazione, hanno deciso di occupare l’aula consiliare Sala delle Lapidi come gesto estremo per poter esercitare la loro volontà di votare gli atti deliberativi all’ordine del giorno.

A partire dal piano triennale delle opere pubbliche che, lo scorso aprile, aveva già incassato la bocciatura da parte dell’opposizione, diventata da mesi maggioranza al comune di Palermo, dopo che il gruppo di Italia Viva ha deciso di mollare Orlando.

Il nostro è un gesto di protesta – dice Barbara Evola, capogruppo di Sinistra Comune – perché è intollerabile il continuo rinvio della messa al voto arrivato in aula per la seconda volta, con il centrodestra che continua ad accampare scuse”.

Il rischio concreto di perdere i fondi extracomunali per realizzare una serie di opere c’è tutto. “Gli uffici – aggiunge Evola – devono concludere le gare entro il 31 dicembre altrimenti si perderanno le somme, parlo di opere come illuminazione pubblica, ristrutturazione di scuole e asili nido e soprattutto il tram, che in sostanza si vuol bloccare. Si potrebbe anche arrivare al voto ma il rischio – prosegue Evola – è che sia troppo tardi, Abbiamo cercato una mediazione, ma niente. Siamo perché l’Aula si esprima e il centrodestra si assuma pure la responsabilità politica di bocciarlo ancora”

Un plauso all’iniziativa dei consiglieri comunali di Sinistra Comune, Avanti Insieme, Partito Democratico, MoVimento 5 Stelle che stanno praticando un atto estremo, qual è l’occupazione dell’aula consiliare, per poter esercitare il loro legittimo diritto/dovere di votare gli atti deliberativi all’ordine del giorno”, ha commentato l’assessore alla mobilità Giusto Catania.

È inaccettabile  – prosegue Catania – l’ostruzionismo della nuova maggioranza consiliare, cementata solo dalla volontà di ostacolare le azioni di governo, che impedisce perfino l’apertura dei lavori consiliari. È inaccettabile che consiglieri comunali eletti per fare il bene comune scelgano di boicottare la città, impedendo l’approvazione di un atto necessario a garantire gli investimenti pubblici”.

Ed è ancora più inaccettabile che tra questi vi siano diversi consiglieri voltagabbana, quelli eletti a sostegno di un programma di governo che, in questo modo, stanno tradendo la città e i loro elettori. Speriamo – conclude Catania –  che questa iniziativa possa produrre effetti positivi ed impedire la perdita di centinaia di milioni di euro per la città di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin