Palermo, ok al nuovo Piano Triennale delle opere pubbliche 2018-20 :ilSicilia.it
Palermo

IL LIBRO DEI SOGNI CHE SI RINNOVA OGNI ANNO

Palermo, ok al nuovo Piano Triennale delle opere pubbliche 2018-20

10 Agosto 2018

La Giunta comunale di Palermo ha approvato ieri il Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2018/2020 e l’Elenco Annuale 2018 (deliberazione di GC n.118 del 09/08/2018).

Ecco la relazione del Comune:

L’organizzazione programmatica degli interventi è stata calibrata attraverso criteri temporali che tengono conto delle risorse economiche attualmente disponibili, sia pubbliche che private, delle altre risorse acquisibili attraverso programmi di finanziamento regionali nazionali e comunitari accessibili nell’arco del triennio (linee di intervento P.O. FESR, contributi statali, mutui, risorse diverse anche private, etc.) nonché della cantierabilità delle varie opere da realizzare valutata in funzione del livello di progettazione raggiunto o raggiungibile.

Il Programma si compone di 667 differenti interventi (di cui 664 opere principali e 3 interventi stralcio) per la cui realizzazione è necessaria una disponibilità finanziaria nel triennio di oltre quattro miliardi, per la precisione 4.139.850.277, 37 euro, così distribuiti annualmente:

  • 79.610.196,72 nel 2018 (pari al 2%);
  • 1.924.554.600,03 nel 2019 (46%);
  • 2.135.685.480,62 nel 2020 (52%).

Nel dettaglio, il numero di interventi del programma, distinti per anno:

  • 33 nel 2018 (5%)
  • 343 nel 2019 (51%)
  • 291 nel 2020 (44%)

Gli interventi cassati dal precedente Programma Triennale 2017/2019 sono 16 e riguardano 10 opere inserite nell’Elenco Annuale 2017 per le quali si è già avviata almeno la procedura di gara per essere appaltate; 3 opere che risultano sostituite da altre di nuovo inserimento, 1 intervento stralciato dal PRUSST e n.2 interventi per i quali i progetti redatti non sono stati ritenuti più fattibili per modifiche normative sopravvenute.

orlando e arcuriGli interventi di nuovo inserimento nel presente Programma sono 16 e riguardano 4 contratti applicativi di “Accordo Quadro” per lavori di manutenzione di immobili comunali, inseriti anche nell’Elenco Annuale 2018, 1 intervento di “Accordo Quadro”, per lavori di manutenzione di immobili comunali programmati dal 2019, 5 interventi di riqualificazione e risanamento ambientale di competenza dell’Ufficio “Mare e Coste” che di fatto sostituiscono gli interventi analoghi cassati dal precedente Programma Triennale 2017/2019, 2 interventi inseriti nel “PON Complementare” e 4 interventi previsti dal progetto di R.U.I.S. della città di Palermo.

“Si tratta – dichiarano il Sindaco, Leoluca Orlando e l’Assessore alla Rigenerazione Urbanistica ed Urbana, Emilio Arcuri di un importante passaggio di programmazione della spesa e della infrastrutturazione della città, uno strumento indispensabile per la redazione del bilancio di previsione. È un piano aperto al confronto con la città e con il Consiglio comunale, che dovrà votarne la versione definitiva”.

ALLEGATI

Tra le opere previste nel 2018: numerosi interventi di messa in sicurezza di scuole a normative antisismiche; nuova illuminazione a ioduri metallici (5,5 mln PON METRO); Manutenzione straordinaria Stadio delle Palme (600mila €); messa in sicurezza Spasimo (775mila euro); progetto “Porto fenicio luci sul mare” (3,5 mln); manutenzione nuova sede corpo polizia municipale in via Ugo La Malfa (268mila euro); manutenzione canale Boccadifalco (3 mln); adeguamento rete fognaria Mercato ortofrutticolo (1 mln); messa in sicurezza facciata del Teatro Politeama Garibaldi (4,4 mln); centro di quartiere allo Zen (Ruis 10 mln); nuova tribuna nella Piscina comunale coperta (6 mln); completamente rete fognaria via Palmerino e Due Vanelle (3,6 mln); nuovo forno crematorio al cimitero dei Rotoli (2,7 mln); completamento restauro Teatro Massimo (4,5 mln).

In totale appena il 2% del totale di spesa (79 mln) su ben 4 miliardi. Un”libro dei sogni” che si rinnova ogni anno. La montagna ha partorito il topolino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.