Palermo, operatore della Rap aggredito da un utente: trasferito d'urgenza in ospedale :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Palermo, operatore della Rap aggredito da un utente: trasferito d’urgenza in ospedale

di
20 Ottobre 2021

Intorno alle ore 14 di oggi, all’interno del CCR di via Rosario Nicoletti, un operatore Rap addetto all’accoglienza dell’utenza ha subito, da parte di un fruitore del Centro Comunale di Raccolta, un’aggressione con un oggetto contundente (tenaglia in ferro) che gli ha provocato sulla testa una grossa ferita. D’urgenza è stato trasferito con il 118 all’Ospedale Ingrassia e sono state allertate le forze dell’Ordine e la polizia Municipale. A darne comunicazione l’Amministratore Unico di Rap Girolamo Caruso.

Sentiti i nostri responsabili – spiega Caruso –  non si capiscono le motivazioni che hanno spinto all’aggressione. Il cittadino stava conferendo dei rifiuti ingombranti presso un nostro cassone scarrabile e dietro l’invito (ripetuto) da parte dei nostri addetti di posizionare correttamente ed ordinatamente gli ingombranti, un attacco d’ira furibonda ha perpetrato una aggressione spropositata verso il dipendente. Probabilmente tale comportamento scaturisce anche da una campagna denigratoria che è stata fatta verso l’azienda e i nostri dipendenti. L’Azienda è vicina al suo dipendente (che fortunatamente è rimasto vigile e cosciente fino all’arrivo dell’ambulanza) esprimendogli massima solidarietà con l’augurio di una pronta guarigione“.

L’Aggressore è stato individuato da una pattuglia della Polizia Municipale che ha proceduto a verbalizzare l’accaduto e raccogliere le relative testimonianze.

Esprimo la massima solidarietà al dipendente della Rap brutalmente aggredito perché ha fatto il suo dovere. Simili gesti sono intollerabili e mi auguro che il responsabile possa essere presto identificato. Sono vicino al dipendente aggredito e spero possa presto riprendersi“. Lo dichiara il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.