Palermo, opposizione compatta sul rendiconto 2017: "Nessuno sconto per Orlando" :ilSicilia.it
Palermo

Per la prima volta le minoranze sono unite

Palermo, opposizione compatta sul rendiconto 2017: “Nessuno sconto per Orlando”

di
8 Ottobre 2018

Si è tenuta oggi, lunedì 8 ottobre, una riunione delle minoranze del consiglio comunale di Palermo, a Palazzo delle Aquile, da dove è emerso un’opposizione compatta per quanto riguarda il rendiconto 2017 e il bilancio di previsione 2018, documenti con i quali la maggioranza sarà messa alla prova perché si troverà di fronte un’opposizione unita e determinata.

Non ci saranno sconti per nessuno. Abbiamo avviato un’operazione verità sulla situazione economica-finanziaria del Comune e la porteremo avanti nell’esclusivo interesse dei cittadini palermitani – dicono in una nota congiunta a firma di Marianna Caronia;  I Coraggiosi; Fabrizio Ferrandelli; Sabrina Figuccia; Forza italia; Fratelli d’Italia; Lega; M5S e Per Palermo con Fabrizio.

Tutta l’opposizione, inoltre, condivide la necessità di “Porre fine nel più breve tempo possibile all’era Orlando, utilizzando tutti i mezzi che le norme e i regolamenti consentono”.

Una posizione non proprio tranquilla quella del sindaco di Palermo che più volte è stato invitato a presenziare durante le sedute del consiglio comunale proprio per confrontarsi sulla questioni dei conti del Comune che non godono di “buona salute” e che ad oggi ha una maggioranza risicata di 25 consiglieri che già in passato ha barcollato.

Ma nonostante oggi l’opposizione si mostri compatta non vi sono i numeri per potere fare cadere la Giunta Orlando, infatti, i consiglieri pronti a firmare le proprie dimissioni sarebbero 15, ma ne servono almeno 21, escludendo Claudio Volante, ex Coraggiosi e adesso al gruppo misto, che ha annunciato il sostegno alla maggioranza per questa sessione di bilancio.

LEGGI ANCHE:

Palermo, doccia fredda sull’Amministrazione Orlando. I revisori bocciano il bilancio 2017

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin