Palermo, ordinanza sulle scuole: Viviana Lo Monaco (M5S) scrive al sindaco Orlando :ilSicilia.it
Palermo

CHIESTO UN ATTO DI CORAGGIO

Palermo, ordinanza sulle scuole: Viviana Lo Monaco (M5S) scrive al sindaco Orlando

di
13 Novembre 2020

Continua il dibattito sull’apertura delle scuole a Palermo.

Il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando, aveva annunciato la chiusura dei plessi comunali nella giornata di giovedì. Ma il giorno dopo, rassicurato dal Governo nazionale e dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il primo cittadino ha deciso di sospenderla.

Ma Orlando ha fatto capire che, in caso di un’implementazione della sicurezza, potrebbe ripensarci di nuovo. Così la rappresentante del Movimento 5 Stelle Viviana Lo Monaco,  ha scritto una lettera aperta al sindaco, chiedendo di mantenere aperte le scuole.

LA LETTERA

Sig. Sindaco, ho deciso di rivolgerLe questo appello che non vuole rappresentare una posizione predeterminata, ma un invito alla condivisione di scelte delicate per la collettività.

Sono certa che qualunque decisione non è – e non sarà – presa da Lei a cuor leggero. Così come le rigide norme e le restrizioni imposte in questi mesi dal Governo nazionale sono state determinate esclusivamente dalla volontà e dalla necessità di tutelare la salute pubblica, bene primario dal quale poi discendono tutti gli altri diritti costituzionali.

Viviana Lo Monaco, M5s Palermo
Viviana Lo Monaco, M5s Palermo

Tuttavia, in qualità di Consigliere comunale e di insegnante, non posso in questa circostanza sottrarmi a un dibattito in corso, nel quale gli elementi che mi sento di ricordare sono il ruolo esercitato dalla scuola. Non soltanto quello educativo, ma anche sociale, in quanto luogo di formazione e collante indispensabile per la tenuta degli equilibri delle nostre famiglie.

Per queste ragioni, trovo che non possa passare il messaggio di una Sua scelta assunta in contrapposizione ad altre, in una sorta di battaglia politica che non è degna della nostra città, soprattutto perché giocata sulla pelle dei più giovani cittadini, degli uomini e delle donne di domani.

Se chiudere le scuole del primo ciclo si renderà necessario, a seguito dell’esame comparato dei dati, che lo si faccia.

Ma allora Le chiedo un atto di coraggio in più. Chiuda ancor prima i centri estetici, le parruccherie, i mercati storici e rionali in cui non è in grado di garantire adeguati controlli. Imponga un più rigido coprifuoco, invochi l’esercito. Abbia la forza di chiudere tutto, per un tempo circoscritto, e nel frattempo lavori fianco a fianco con il Governatore della Regione Siciliana, fornendo i suoi suggerimenti per scongiurare quella che ormai da più parti è definita una strage annunciata.

IL POST

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin