Palermo. Orlando elogia i cinesi e Forza Nuova risponde: "Orlando vaffan...Cina" :ilSicilia.it
Palermo

I militanti hanno affisso due striscioni vicino Villa Niscemi

Palermo. Orlando elogia i cinesi e Forza Nuova risponde: “Orlando vaffan…Cina”

di
15 Maggio 2018

Tornano all’attacco i militanti di Forza Nuova che hanno affisso sia all’ingresso che nel retro della Palazzina Cinese, a due passi da Villa Niscemi, due striscioni che non lasciano alcun dubbio sul messaggio da lanciare “Orlando Vaffan…Cina” e “Orlando traditore dalla Cina con furore”.

Il contenuto esplicito fa riferimento all’elogio che il sindaco di Palermo ha rivolto ai commercianti cinesi ringraziandoli “per il notevole contributo economico e per l’offerta di lavoro…“.

Lo ha detto veramente! Non si può tacere di fronte a simili assurdità“, afferma Massimo Ursino, segretario provinciale di Forza Nuova.

Orlando, forse, è poco informato, o finge di non ricordare, ma, non molto tempo fa, l’Associazione Contribuenti italianipalazzina cinesecontinua la nota di Forza Nuova – denunciò pubblicamente l’Italia come nazione al primo posto per l’evasione fiscale cinese. E il sindaco finge di ignorare anche un altro aspetto che sottolinea l’assurdità delle sue esternazioni: a Palermo, la quasi totalità dei commercianti cinesi è esentata, di fatto, da tutta quella attentissima serie di controlli a cui la polizia municipale sottopone i commercianti palermitani, sempre ignorati e bistrattati, proprio dall’eterno primo cittadino.

Leoluca OrlandoÈ proprio di questi giorni, inoltre, il servizio de Le Iene sul centro commerciale Z&H di Bagheria, di proprietà di due cinesi, che assumerebbero dipendenti senza alcun tipo di contratto e con turni di lavoro da schiavi.

Orlando in questo modo si allontana dai palermitani e quindi dal contesto cittadino –afferma il vicesegretario nazionale di Forza Nuova, Giuseppe Provenzale – pronto a partecipare ad ogni tipo di manifestazione che sia legata a tutte le realtà di immigrati presenti sul territorio, disinteressandosi di Palermo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin