Palermo, Orlando: "Giunta rivedrà Piano di riequilibrio economico-finanziario" :ilSicilia.it

L'intervento nella seduta del Consiglio Comunale

Palermo, Orlando: “Giunta rivedrà Piano di riequilibrio economico-finanziario”

di
18 Gennaio 2022

“Quello di oggi è stato un importante confronto in Consiglio comunale che ha permesso all’Amministrazione di spiegare gli elementi del Piano di riequilibrio economico-finanziario, strumento fondamentale per evitare il dissesto e per riorganizzare la macchina comunale“.

Lo ha detto il sindaco Leoluca Orlando, intervenuto oggi durante la seduta del Consiglio Comunale dedicata al Piano di riequilibrio.

“Il quadro di riferimento tracciato oggi – ha aggiunto – ha carattere generale perché restiamo in attesa di ulteriori dati da parte del Governo a conferma della volontà del Governo e del Parlamento nazionale di fornire alternativa al dissesto e che costituiranno elemento importante anche dell’accordo previsto per il 15 febbraio tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Comune di Palermo, che prevede l’erogazione di somme previste dal cosiddetto decreto fiscale e dalla legge di Bilancio dello Stato. Gli aiuti finanziari previsti dal Governo nazionale e dal Parlamento vanno verso un’unica direzione: dire al no al dissesto per Palermo e per numerose città metropolitane e per centinaia di comuni siciliani.
Occorre, ovviamente, procedere ad una modifica di questo piano che tenga conto di dati finanziari nazionali. La Giunta si farà carico di adottare le relative modifiche secondo questi nuovi dati. Credo sia necessario trovare un equilibrio tra il numero del personale e le ore di lavoro; bisogna insieme fare ogni sforzo per evitare il taglio delle Circoscrizioni e così anche in riferimento alla dismissione di Gesap che con il dissesto sarebbe inevitabile, potendo anche utilizzare somme recuperate a seguito di esito positivo di appelli in sede giudiziaria in corso o transazioni  per somme assai rilevanti.

Come è noto il Piano di riequilibrio, occasione straordinaria per il futuro della città, è uno strumento dinamico e modificabile in qualsiasi momento. Inoltre, ricordo che il dissesto per la città di Palermo è inutile perché il Comune non ha debiti, ma crediti da riscuotere; e ancora, il dissesto congelerebbe ogni scelta politica bloccando irrimediabilmente ogni misura sul personale e determinando l’immediata dismissione della Gesap, l’eliminazione di ogni contributo a teatri e istituzioni culturali e formative oltre alla rimodulazione a livello altissime di tutte le tariffe.

Sottolineando, ancora una volta, l’importanza del confronto di oggi, l’Amministrazione comunale resta in attesa di avere dati certi con cui sarà possibile per la Giunta fare proposte compiute e per il Consiglio comunale determinarsi di conseguenza”.

Si pensa a un tavolo aperto a tutte le forze politiche per correggere la rotta entro il termine del 31 gennaio, quando la città di Palermo potrebbe trovarsi in una situazione di crac, di dissesto, se il Consiglio comunale non approverà il piano di riequilibrio per permettere a Palazzo delle Aquile di attivare quello che tecnicamente è chiamato pre dissesto. Tante le questioni aperte: Gesap, personale, conti delle aziende comunali, persino l’esistenza delle circoscrizioni. L’amministrazione comunale, nell’ambito del piano di riequilibrio presentato, prevede nuove assunzioni per gli anni a venire in modo da rafforzare gli uffici strategici, a partire da quelli che si occupano di tributi. Con la speranza di aumentare gli introiti.

Sul personale è arrivata la proposta di Mattaliano, Gelarda ed altri consiglieri comunali di convocare un tavolo tecnico per capire assieme come potenziare le prestazioni dei dipendenti, anche aumentando le ore di quelli che ora si trovano in part time, considerato che oggi l’aumento delle ore è previsto per categorie superiori. L’obiettivo resta quello di migliorare il funzionamento della macchina comunale, valorizzando il personale dipendente. Ma un altro nodo sono i servizi a tariffa, come quelli relativi all’uso degli impianti sportivi.

“Siamo pronti a dialogare con tutti per quello che mi compete“, dice il vice sindaco Fabio Giambrone, che ha la delega al personale. Orlando sa bene di non aver più la sua maggioranza a Sala delle Lapidi e quindi, incassate le critiche, si apre al dialogo. Nel frattempo, sarebbe indispensabile capire quali e quanti saranno i fondi in arrivo dal governo nazionale con la legge di bilancio dello Stato votata a fine dicembre. Milioni di euro fondamentali per tenere in piedi il comune.

Nel frattempo, si è scoperto soltanto oggi che il Comune avrebbe usato parte dei fondi destinati ai ristori per tenere a galla le casse. Intanto, restano appena 13 giorni per salvare il Palermo dal dissesto, che sarebbe una vera iattura per la città e per i palermitani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.