Palermo: Orlando riceve il sindaco di Aosta :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Palermo: Orlando riceve il sindaco di Aosta

di
12 Giugno 2021

Incontro istituzionale oggi pomeriggio a Palazzo delle Aquile, dove il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha ricevuto il primo cittadino di Aosta, Gianni Nuti, accompagnato dalla moglie. Presenti all’incontro anche la consigliera Valentina Chinnici e Elena Mignosi, professoressa di Scienze Psicologiche e Pedagociche dell’Università di Palermo.

Il sindaco Orlando ha ringraziato il collega per la visita auspicando “in futuro scambi culturali e turistici tra le citta di Palermo ed Aosta” e consegnandogli una copia della “Carta di Palermo”.

Nuti, che è anche Docente di Didattica e Pedagogia speciale all’Università della Valle d’Aosta, è intervenuto stamattina all’Orto botanico nell’ambito del seminario di studi “L’educazione come reciprocità e luogo di costruzione della comunità”, organizzato dal Dipartimento di scienze psicologiche, esercizio fisico e formazione dell’Università di Palermo e  dalle associazioni Dappertutto e Cidi Palermo, in occasione del conferimento della Laurea honoris causa al maestro Franco Lorenzoni.

Ho incontrato una “città incarnata” – ha detto il sindaco di Aosta – La città di Palermo è infatti ricca di memorie, spirito narrativo e cultura profonda, ma soprattutto amore grande per una terra ineguagliabile: non dimenticherò”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin