Palermo, Orlando si difende: “Al Mef la mano destra non sa cosa fa la sinistra” :ilSicilia.it
Palermo

La polemica

Palermo, Orlando si difende: “Al Mef la mano destra non sa cosa fa la sinistra”

di
2 Febbraio 2019

“Se qualcuno aveva dei dubbi sulle anomalie che hanno contraddistinto la vicenda della verifica contabile svolta dal MEF al Comune di Palermo, basta andare a vedere il carteggio che lo stesso Ministero ha intrattenuto con la Corte dei Conti e con il Ministero dell’Interno nel 2010 proprio sulla regolarità della gestione del Coime da parte del Comune di Palermo. Se ne evince che evidentemente al Ministero c’è una mano destra non sa o fa finta di non sapere cosa fa la sinistra, e forse nemmeno ciò che fa la mano… destra.”

Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando commentando l’ultima nota del Ministero nella quale si parla del personale del Coime – Coordinamento degli interventi di manutenzione edile, assunto in virtù di una legge nazionale con il contratto dell’edilizia e non con quello degli enti locali, come di personale “eccedente”.

orlandoIl riferimento di Orlando alla Corte dei Conti è quello alla sentenza della stessa Corte del mese di novembre del 2010 con la quale veniva conclusa una indagine sui Comuni di Palermo e Napoli e sulla Provincia di Napoli relativamente all’utilizzo di alcune somme nazionali. Per il Comune di Palermo si trattava proprio delle somme relative al Coime.

Nella relazione dei giudici contabili (le Sezioni riunite di Roma) si legge che “il Comune di Palermo ha adottato misure organizzative nuove per assicurare la conforme gestione delle somme ricevute agli scopi previsti dalla legge” e si sottolinea che il Ministero dell’Interno e il Comune avevano all’epoca adottato “delle misure conseguenziali” e che addirittura lo stesso Ministero delle Finanze, a seguito dell’indagine, aveva istituito un apposito capitolo di spesa relativo ai contributi erogati al Comune di Palermo.

Già all’epoca, la Corte dei Conti sottolineava come “con il Comune di Palermo non si è resa necessaria la convocazione di apposito incontro, in quanto l’Ente ha assicurato che avrebbe operato in conformità alle osservazioni della Corte” e che “l’Amministrazione ha di fatto posto le basi per dotare tale struttura edile di un vero e proprio piano industriale, ovviamente nei limiti delle potenzialità proprie di un Ente pubblico”.

“Di fronte ad affermazioni così chiare e nette – conclude Orlando – che furono mandate dalla Corte anche ai Ministeri dell’Interno e dell’Economia, che ci sia ancora chi ha voglia di “verificare” è sempre legittimo, ma che lo faccia ignorando il passato è sicuramente grave, se non sospetto.”

 

LEGGI ANCHE:

Comune di Palermo: stabilizzazioni a rischio dopo la bocciatura del ministero

Palermo, ispezione del MEF, Orlando: “Contestazioni infondate”. Ferrandelli: “Il Sindaco nega i problemi”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin