Palermo, Orlando: "Terreni sottratti alla mafia realizzeranno progetti sociali" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

la dichiarazione del sindaco

Palermo, Orlando: “Terreni sottratti alla mafia realizzeranno progetti sociali”

di
17 Maggio 2021

Sono stati assegnati dal comune di Palermo i primi nove terreni confiscati alla mafia: la commissione ha infatti approvato la graduatoria relativa all’avviso pubblicato nel 2020 per la concessione, a titolo gratuito, di terreni, ville, appartamenti, uffici e magazzini confiscati alla criminalità organizzata ed entrati a far parte del patrimonio comunale.

“Si tratta di un primo passo, ma di straordinario valore simbolico – commenta il sindaco Leoluca Orlando – Questi terreni, sottratti alla mafia, consentiranno di realizzare progetti di carattere sociale, ludico, ricreativo e culturale. Prosegue in questo modo il percorso intrapreso dall’amministrazione comunale per la valorizzazione dei beni confiscati che devono tornare al servizio dei palermitani”.

La commissione ha vagliato le domande pervenute entro il 22 marzo (termine prorogato per l’emergenza Covid) e ha completato le procedure relative alla prima categoria dei beni confiscati, ossia i terreni; adesso progressivamente procederà con le altre. “Le attività della commissione procederanno speditamente – dice l’assessore al Patrimonio Toni Sala – e quelle relative alla seconda categoria, le ville, dovrebbero concludersi entro il 30 maggio. Per impiegare al meglio questi beni è però necessaria l’approvazione del regolamento che è in discussione in Consiglio comunale: un nuovo strumento che consentirà di gestire al meglio immobili e terreni che devono diventare il simbolo del riscatto di un’intera comunità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin