Palermo: Orlando vieta l'accesso al Centro Storico e alle spiagge | ECCO DOVE :ilSicilia.it
Palermo

Nuove restrizioni per 1 e 2 maggio

Palermo: Orlando vieta l’accesso al Centro Storico e alle spiagge | ECCO DOVE

di
29 Aprile 2021

In vista del fine settimana del primo maggio, il sindaco Leoluca Orlando nel pomeriggio ha firmato un’ordinanza il cui contenuto scaturisce dal confronto avuto con il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza.

Il provvedimento contiene provvedimenti che saranno validi nei giorni 1 e 2 maggio, e innanzitutto conferma il divieto di stazionamento dalle 00.00 alle 24 all’interno del Parco della Favorita e nel prato del Foro Italico dalla Cala a Villa Giulia.

Rispetto alla precedente ordinanza, viene però trasformato in DIVIETO DI ACCESSO quello che riguarda le spiagge, da Sferracavallo ad Acqua dei Corsari, salvo che per l’attraversamento per l’utilizzo in mare di natanti e imbarcazioni e attività natatorie e salvo la permanenza nelle aree attrezzate oggetto di concessione.

orlando fascia sindacoL’ordinanza di oggi prevede anche il divieto di attività sportive in tutte le aree pedonali istituite in applicazione del Codice della Strada, oltre all’interruzione del traffico pedonale e veicolare dalle 18 alle 22 nelle seguenti piazze e vie:

  • Via Spinuzza: da Vicolo delle Mura (accesso) a via Valenti (deflusso);
  • Piazza Sant’Anna:
  • Via Lattarini angolo Piazza Sant’Anna (accesso);
  • Piazza Sant’Anna angolo via Cagliari (deflusso);
  • Piazza Sant’Anna angolo via Sant’Anna (deflusso);
  • da Viale Regina Elena, altezza Via Anadiomene, alla Piazza di Mondello;
  • Via Maccheronai/Piazza San Domenico (accesso);
  • Discesa Caracciolo/Via Roma (accesso);
  • Via Pannieri/Corso Vittorio Emanuele (accesso);
  • Vicolo Mezzani/Corso Vittorio Emanuele (accesso);
  • Via Argenteria/Vicolo Paterna (deflusso);
  • Via dei Coltellieri/Vicolo della Rosa Bianca (deflusso);
  • Vicolo Mezzani/Via dei Frangiai (deflusso).

Resta sempre consentita la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti nel rispetto delle norme anticovid e del divieto di assembramento.

Continuo a lanciare un appello alla responsabilità di tutti i cittadini – ha detto il sindaco Leoluca Orlando -. La zona arancione non deve indurre ad un rilassamento nella lotta contro al Covid-19. Ho firmato questa ordinanza mirata perché l’1 e il 2 maggio rischiano di essere la nuova Pasqua e la nuova Pasquetta che hanno fatto precipitare Palermo in zona rossa. E’ fondamentale coniugare il rispetto delle attività economiche e tutelare il diritto alla salute“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.