Palermo, ospedale Cervello: "Hai parlato troppo" poi gli rompe un timpano :ilSicilia.it
Palermo

Aveva invitato l'uomo ad uscire

Palermo, ospedale Cervello: “Hai parlato troppo” poi gli rompe un timpano

di
12 Aprile 2018

Un addetto alla distribuzione dei pasti in un reparto annesso al pronto soccorso dell’ospedale palermitano Vincenzo Cervello, è stato picchiato dal parente di un paziente e ha riportato la rottura di un timpano.

Nel reparto di osservazione, c’erano 28 persone per un totale di 16 posti disponibili: 12 erano sulle barelle. Una situazione di sovraffollamento resa ancor più difficile dalla presenza di intere famiglie che assistono i ricoverati, in media 5 persone per ogni malato.

Al suo arrivo per la distribuzione dei pasti, nella serata di ieri, l’operatore ha invitato i parenti ad uscire. Al rinnovo dell’invito, poco tenuto in considerazione, un ricoverato ha detto all’operatore “tu già hai parlato troppo” e l’ha colpito causandogli la rottura del timpano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin