Palermo, Parco Cassarà dimenticato: cinque anni persi, riapertura in alto mare :ilSicilia.it
Palermo

L'AREA VERDE È CHIUSA E SOTTO SEQUESTRO DAL 2014

Palermo, Parco Cassarà dimenticato: cinque anni persi, riapertura in alto mare

di
15 Maggio 2019
Foto Fb
Cumuli di rifiuti, prima della crezione del Parco. Foto Fb, Michelangelo Salamone
Foto Fb, RSA ricerca e studi sull'ambiente
Foto Fb, RSA ricerca e studi sull'ambiente

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Sono trascorsi più di 1.800 giorni, 5 anni, dalla chiusura del Parco Cassarà. Era il 16 aprile 2014 quando il polmone verde di Palermo fu posto sotto sequestro dalla Procura e il NOPA (Nucleo Operativo Protezione Ambientale della Polizia Municipale) appose i sigilli.

Ben 28 ettari di terreno, costati 11 milioni di euro e inaugurati nel 2011 dall’ex sindaco Diego Cammarata. Poi, grazie ad un servizio di Stefania Petyx per Striscia La Notizia, vennero alla luce le “magagne”: sotto l’erba e la terra c’erano sepolte sostanze inquinanti pericolose: amianto, rifiuti industriali, metalli pesanti, e residui di cantieri edili.

parco cassarà frame striscia
Il servizio di Striscia 

Una vera “bomba ecologica” per cui è ancora in corso un processo penale, dove in 7 sono a giudizio per “disastro ambientale“.

I giudici divisero così il parco in 3 macro-aree: Zona Verde, Gialla e Rossa, per indicare il grado di pericolosità. La Verde e la Gialla coprono all’incirca il 60% del parco, che ha 3 ingressi: quello principale in via Ernesto Basile, poi in corso Pisani e l’ultimo in via Altofonte. Proprio qui, vicino al Cus, c’è “la Zona Rossa”.

Dopo anni di sostanziale immobilismo, solo nel 2018 il Comune di Palermo finalmente ha bandito la gara per le indagini preliminari propedeutiche alla bonifica della Zona Verde.

Il bando per i carotaggi da 161 mila euro però fu ritirato in autotutela dopo appena un mese, a giugno 2018, per “errori e lacune”. Il M5S diffidò quindi il Comune per i ritardi; il sindaco Leoluca Orlando diede così un ultimatum ai tecnici comunali e agli assessori di fare in fretta, e il bando fu così ripubblicato a settembre (scadenza 20/09/2018).

Il 18 settembre pervengono due richieste di chiarimenti dalle imprese partecipanti, trasmesse il giorno successivo al RUP, l’Avvocato Francesco Fiorino che è il custode giudiziario e dirigente del settore Ambiente. Dopo il verbale del 24/09/2018 in cui viene scritto che «non è pervenuto alcun riscontro», nessun altro allegato nella pagina ufficiale del Comune. Nessun aggiornamento. Un silenzio assordante.

Passano i mesi e nel febbraio 2019 arriva la conferma: la gara è da rifare, di nuovo. Per la terza volta.

Parco Cassarà chiusoCosì ora si sta mobilitando l’intero Consiglio della IV Circoscrizione: «Abbiamo deliberato all’unanimità – spiega il presidente Silvio Moncada – l’organizzazione di un sit-in di protesta. L’iniziativa dal titolo “RivogliAMO il nostro Parco” è prevista venerdì 31 Maggio con raduno alle ore 9,00 all’interno della villetta di Piazza Turba. 

La Giunta Comunale – prosegue la nota della IV Circoscrizione – con Delibera n.254 del 21/12/2017 aveva deciso lo stanziamento di oltre 160 mila euro, con prelievo dal Fondo di Riserva, per procedere alla gara d’appalto per i carotaggi. Dopo oltre un anno e mezzo, il Settore Ambiente non ha ancora espletato la gara. Un ritardo inammissibile che nega alla città un polmone verde, fiore all’occhiello del nostro territorio. Chiediamo all’Amministrazione Comunale di mettere in campo tutti gli strumenti necessari per sbloccare la gara, accertando nel contempo, eventuali responsabilità».

Silvio Moncada
Silvio Moncada

«Adesso – attacca Moncada, sentito da ilSicilia.it – bisognerà re-impegnare le somme dato che il bando va rifatto. La Giunta si è impegnata a questo prelievo dal Fondo di Riserva, speriamo sia vero. È ora che si metta fine una volta per tutte ad una vicenda che sta assumendo contorni paradossali».

Ma per il neo assessore all’Ambiente Giusto Catania non ci sarebbero responsabilità da accertare: «Io mi sono insediato da poco e non sono stato invitato al sit-in della IV Circoscrizione. So (tramite l’ex vicesindaco Marino) che c’è stato un problema tecnico di tempi per l’impegno delle somme perché il Bilancio fu approvato a Dicembre. Ora il nuovo Bilancio sarà approvato a breve, entro fine maggio, spero. Giusto Catania sul trafficoQuindi – rivela a ilSicilia.it – immediatamente dopo l’approvazione, mi impegno a far pubblicare subito il bando. Io non devo accertare responsabilità di cose precedenti al mio arrivo. Ma adesso non ci sono più alibi: sarà mio compito arrivare nel più breve tempo possibile ai carotaggi e all’analisi del materiale».

Un vero spreco a cielo aperto. Anche perché stiamo parlando ancora delle indagini “preliminari“, e solo della Zona Verde. Per quella Rossa (cioè quella considerata più a rischio) ancora i tempi sono lontanissimi e si attendono novità dalla magistratura.

La riapertura del parco appare sempre più un miraggio.

 

LEGGI ANCHE:

“Disastro ambientale” al Parco Cassarà, in 7 vanno a giudizio

Palermo, disastro ambientale al Parco Cassarà: verso l’avvio dei carotaggi

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.