Palermo: party a Mondello ed assembramenti, Giuseppe Spagnolo ci ricasca | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

DOPO L'EPISODIO DI PASQUETTA SUI TETTI DELLO SPERONE

Palermo: party a Mondello ed assembramenti, Giuseppe Spagnolo ci ricasca | VIDEO

di
13 Giugno 2020

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

Giuseppe Spagnolo finisce ancora sotto l’occhio del ciclone.

Divenuto nelle ultime settimane una star sui social a seguito delle sue gag, il “re dei tetti dello Sperone” si rende protagonista di un altro episodio che fa discutere. Questa mattina, coadiuvato da alcuni collaboratori, ha indossato una bella fascia con scritto “Vip” e ha dato vita ad party nella spiaggia di Mondello.

Petto nudo, birra in mano e musica sparata a tutto volume. Una festa in piena regola, se non si tiene conto del fatto che le disposizioni sull’emergenza coronavirus vietano operazioni del genere. Presenti molti curiosi e diversi fans dell’inventore del tormentone “Mattiu“, tutti rigorosamente senza mascherina.

Un video che, alla data e all’ora odierna, può già vantare ottantamila visualizzazioni. Un modello che rischia di diventare pericoloso per tanti ragazzi che potrebbero decidere di imitare le sue azioni.

Contravvenire ai DPCM del governo Conte sembra quasi uno sport per Spagnolo. Ricordiamo infatti che l’uomo è divenuto celebre alla cronaca per una grigliata tenutasi sui tetti dello Sperone in pieno lockdown.

Nei giorni successivi aveva mostrato pentimento per quanto messo in pratica, salvo poi lasciarsi andare ad episodi censurabili, leggasi le offese rivolte al consigliere comunale di Più Europa, Fabrizio Ferrandelli.

Una redenzione breve, che ha lasciato spazio alla voglia di spopolare sui social network.

GUARDA IL VIDEO

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin