Palermo, Passante Fs: Sis conferma i licenziamenti, ora è spettro incompiuta. Rfi: "Siamo sorpresi" :ilSicilia.it
Palermo

30 giorni per trovare una soluzione

Palermo, Passante Fs: Sis conferma i licenziamenti, ora è spettro incompiuta. Rfi: “Siamo sorpresi”

di
20 Aprile 2018

 “La Sis, in un incontro con i sindacati, che si è svolto oggi nella sede aziendale di via Filippo Parlatore, ha confermato l’intenzione di licenziare tutti i 261 lavoratori in seguito all’avvio della procedura di recesso dal contratto con Rfi, che avrebbe come conseguenza la chiusura del cantiere del passante ferroviario di Palermo.

Lo rendono noto in sindacati. “Abbiamo ribadito che i licenziamenti per noi sono inaccettabili, perchè il lavoro c’è e le opere devono continuare per consegnare il passante ferroviario alla città”, dicono i segretari di Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil Palermo, Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra.

“Faremo una richiesta di incontro all’assessorato regionale alle Infrastrutture e alla Prefettura di Palermo. Ci sono trenta giorni di tempo per discutere e trovare una soluzione“.

Il braccio di ferro tra l’impresa italo-spagnola e le Ferrovie dunque prosegue. Sul tavolo della trattativa le varianti e gli extra costi (per oltre 100 milioni di euro) sostenuti dalla Sis per quest’appalto. L’impresa ha dichiarato infatti che su questa commessa è in perdita non solo per i vari imprevisti (il tappo di vicolo Bernava su tutti) ma anche e soprattutto per l’aumento generale dei prezzi dal 2008 a oggi. Il prezzario dell’appalto infatti risale a 10 anni fa. L’opera ha accumulato notevoli ritardi e oggi ha una percentuale di completamento dell’85%.

Sulla questione degli extra costi, si dovrebbe pronunciare a breve il Tribunale di Roma, presso cui Sis un anno fa aveva chiesto un ATP (Accertamento tecnico preventivo).

Di certo il Comune di Palermo non starà a guardare. Solo pochi giorni fa, il sindaco Leoluca Orlando tuonava così contro Rfi, che – a suo dire – “continua ad arrecare danni e disagi gravissimi a tutta la città: dal continuo rinvio della riattivazione del collegamento con l’aeroporto, alla soluzione dell’errore progettuale di vicolo Bernava, alla lentezza con cui i cantieri proseguono lavori particolarmente invasivi in punti chiave della vivibilità e viabilità cittadina”.

Rfi, Sis, Palazzo, PassanteLa replica di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) alla Sis è arrivata a stretto giro: «Siamo sorpresi delle notizie diffuse dalla Sis. Non è cambiato nulla rispetto all’ultima volta. Non capiamo perché, con un tavolo ancora aperto, con la discussione in atto, loro se ne escono così. Le trattative proseguiranno nei prossimi giorni. Su una cosa non transigiamo: intanto si riapra la linea con l’aeroporto come dagli accordi. Se non li rispetteranno agiremo di conseguenza».

In pratica se SIS manterrà fede agli impegni contrattuali, il termine dei lavori potrà avere come traguardo il 2020. «In caso di recesso, eventualità che RFI è impegnata a scongiurare, il completamento dell’opera potrebbe subire uno slittamento di almeno un altro anno».

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.