Palermo: Passante Fs, mistero sul progetto della strada tra viale Francia e via Ugo La Malfa | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

L'INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE SUSINNO

Palermo: Passante Fs, mistero sul progetto della strada tra viale Francia e via Ugo La Malfa | FOTO

di
9 Settembre 2019
© ilSicilia.it
via Monti Iblei
via Monti Iblei
via monti iblei
Tratta B,via Monti Iblei-Belgio (rendering)

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Come ha anticipato ilSicilia.it (LEGGI QUI), la SIS ha ormai deciso di lasciare definitivamente il cantiere del Passante Ferroviario. Il contenzioso con le RFI si è chiuso nel peggiore dei modi, lasciando Palermo in balia di un appalto incompleto.

E dopo 11 anni di lavori, tra presunte infiltrazioni mafiose, varianti, imprevisti geologici e guerre a colpi di carte bollate in Tribunale, un nuovo guaio per la città: lo “smobilitamento” dei cantieri sia a Notarbartolo che a Belgio (dove la talpa TBM “Marisol” ha scavato il tunnel in tempi record) sta lasciando un ulteriore mistero: la via Monti Iblei – che da progetto originario doveva essere resa “verde”, in realtà sarà ripristinata senza aree verdi. Tra via Monte San Calogero e viale Francia rimarrà a senso unico, con una strana rientranza.

A confermarlo Marcello Susinno, Consigliere Comunale di Sinistra Comune, che nei giorni scorsi ha posto un’interrogazione a Palazzo delle Aquile: «Nuovo mistero sul progetto di prolungamento viario di Viale Francia e Via Ugo La Malfa: su alcune aree espropriate e consegnate al Comune non se ne sa nulla».

«La questione non è di poco conto – denuncia Susinno – perché così si rischia di fare inceppare la macchina relativa alla realizzazione dei lavori inerenti e connessi il prolungamento Viario Viale Francia a Via Ugo La Malfa. In passato casi del genere hanno determinato contenziosi durati pure decenni. L’area in questione, dove dovrebbe sorgere il prolungamento viario, è stata regolarmente espropriata in favore del Comune, con tanto di verbale di consegna sottoscritto nel mese di Gennaio 2019; ma dal Comune non se ne sa nulla. Anzi da un’apposita mia interrogazione – dice Susinno – mi si riscontra che “non risulta che le aree espropriate siano state oggetto di consegna all’Amministrazione comunale”. L’esito dell’atto ispettivo è giunto anche sui tavoli dei vertici di Italferr – dice Susinno – e non ho difficoltà nel pensare che il contenuto del riscontro stia creando un certo imbarazzo rispetto ad una questione che è stata definita con tanto di verbale sottoscritto agli inizi dell’anno.

Marcello Susinno
Marcello Susinno

Non capisco cosa succede – si chiede Susinno – il tema non è di poco conto proprio perché in questi giorni si stanno definendo i dettagli per procedere all’affidamento dei lavori di realizzazione di detto prolungamento stradale nonché di tutti i lavori connessi relativi alla sistemazione a verde della viabilità compresa tra la via Nuova e la Via Stazione San Lorenzo. E pertanto – conclude – necessario chiarire il tutto in tempi strettissimi».

Ma non finisce qui.

Il progetto della cosiddetta “Variante Tratta B Notarbartolo-La Malfa” approvata nel 2008 dal Consiglio Comunale (n° 524 del 05/08/2010) prevedeva una prescrizione importante che il Comune di Palermo ha completamente “dimenticato”: avrebbe dovuto mettere mano all’Accordo di programma (tra Comune e RFI) per la creazione di un nuovo asse interno, sopra l’ex sedime ferroviario ormai interrato, per una nuova strada parallela e alternativa al Viale Regione Siciliana.

Una nuova arteria – come scrive Palermo in Progress «in prolungamento con viale delle Alpi, realizzi fino a via Tranchina un asse di penetrazione urbana che va ad affiancarsi all’asse Strasburgo-Empedocle Restivo-Sciuti-Terrasanta».

A distanza di 11 anni, però, nulla di tutto ciò è avvenuto finora.

 

 

LEGGI ANCHE:

Passante Ferroviario: dopo 11 anni la Sis lascia Palermo, strappo definitivo con Rfi

Nuova tangenziale di Palermo, il progetto dimenticato nella città ostaggio del traffico

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.