Palermo. Pericoloso camminare sul marciapiede di via Narbone. La denuncia dei residenti :ilSicilia.it
Palermo

la situazione si protrae da più di un mese 

Palermo. Pericoloso camminare sul marciapiede di via Narbone. La denuncia dei residenti

di
30 Marzo 2018

A Palermo ormai è diventato impossibile camminare, sia in auto che a piedi, un po’ per le vie chiuse a causa dei cantieri aperti in buona parte della città, un po’ a causa delle strade dissestate per la posa della fibra ottica o per la mancata manutenzione ordinaria e straordinaria del manto stradale, come per esempio il caso di corso Tukory dove gli operai hanno ricevuto l’indicazione, da parte dell’Amministrazione, di chiudere il cantiere per spostarsi a raccogliere i rifiuti a Partanna, secondo quanto segnalato dal consigliere comunale Mimmo Russo di Fratelli d’Italia, durante una delle sedute in Aula.

palermoIl problema dunque rimane ed è anche serio considerato che le strade dissestate possono comportare dei rischi, anche abbastanza seri, per l’incolumità dei cittadini, situazione che in più circostanze le associazioni che operano sul territorio hanno evidenziato all’Amministrazione comunale.

Una nuova segnalazione, alla redazione de ilSicilia.it, è arrivata da Dario Saia, presidente del Comitato civico quartiere Pagliarelli, che ha denunciato al sindaco Leoluca Orlandola situazione di pericolo che si protrae da più di un mese in via  Alessio Narbone 42″,  strada di competenza della V circoscrizione.

Sembrerebbe, infatti che quotidianamente “le mamme con i loro passeggini sono obbligate a fare degli slalom per evitare la buca presente in quella strada e anche entrare ed uscire dal portone – raccontano i residenti – è diventata un’impresa. Le transenne installate da 15 giorni non riescono a mettere in sicurezza tutto il perimetro del cratere che si è creato sul marciapiede. Siamo andati a fare un sopralluogo ed una mamma ci ha raccontato che il suo piccolo bambino è inciampato riportando qualche ferita sul viso”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.