Palermo: picchiato dopo una lite con la moglie, morto uomo al Civico :ilSicilia.it
Palermo

L'episodio a Marineo

Palermo: picchiato dopo una lite con la moglie, morto uomo al Civico

di
14 Agosto 2019

È morto all’ospedale Civico di Palermo il marocchino di 40 anni, El Bad Sami, picchiato a Marineo (Pa) da Rosario Vivona, 37 anni, che sarebbe arrivato a casa in soccorso della moglie.

La donna del magrebino regolare a Palermo è lavora nel bar di Vivona. Il marito della donna sarebbe stato picchiato al volto da Vivona dopo una rissa avvenuta tra i coniugi.

I due uomini se le sono date di santa ragione nella notte dell’8 agosto, in corso dei Mille, Secondo una prima e ricostruzione dei fatti, sembra che El Bad Sami sia andato a trovare nel luogo di lavoro la moglie, dalla quale si stava separando e aveva già ricevuto l’ordine di non avvicinarsi a lei.

Il magrebino sarebbe andato a trovare la moglie al bar e l’avrebbe aggredito. Vivona intervenuto a casa in soccorso della sua dipendente lo ha colpito con un violento pugno al volto, per poi inveire su di lui esanime sferrando ulteriori colpi a mani nude sul viso.

Ad avere la peggio è stato il magrebino, soccorso dai medici del 118 e ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale Civico di Palermo dove è morto. Le indagini sono condotte dai carabinieri. Vivona ieri è stato arrestato su ordine del gip. Adesso l’accusa è di omicidio.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.