Palermo, Pino Apprendi: "La mafia che taglieggiava nei Nebrodi ha perso" :ilSicilia.it
Palermo

"il malaffare non lascia in pace nessuno"

Palermo, Pino Apprendi: “La mafia che taglieggiava nei Nebrodi ha perso”

di
20 Aprile 2018

“L’operazione messa a segno dalle forze dell’ordine sui Nebrodi, che ha portato in carcere tre persone e ne vede altre undici indagate per presunta estorsione, ci dà un ulteriore spaccato dell’attività mafiosa che non lascia in pace nessuno”.

Questo il commento dell’ex deputato Pino Apprendi, dopo la notizia degli arresti effettuati dai carabinieri del Comando provinciale di Messina.

Spesso – aggiunge – Antonio Presti è stato al centro di polemiche nei rapporti con le istituzioni, assenti nell’attività artistica  che il mecenate ha svolto nel territorio, a partire dalla Fiumara d’Arte e in certi casi ne ha subito l’ostruzionismo. Stessa cosa la mafia che mal ha digerito la sua presenza in quel territorio. I fatti di oggi raccontano che la mafia e un rappresentante delle istituzioni, insieme, avrebbero ‘mangiato’ sui lavori di restauro delle opere d’arte che per quarant’anni sono state impunemente abbandonate al degrado”.

L’inchiesta che ha fatto scattare le manette per tre persone e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per altre undici, è nata nel 2015. Allora, un imprenditore aveva denunciato di essere stato taglieggiato dopo aver vinto l’appalto per delle opere da effettuare nella Fiumara d’Arte. Dichiarò, infatti, di essere stato avvicinato dal consigliere comunale di Mistretta, Vincenzo Tamburello, che gli aveva chiesto 35 mila euro a titolo di “indennizzo” dal momento che la sua ditta era stata estromessa a causa di un ricorso fatto al Tar dall’imprenditore.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.