Palermo, Pistoletto è cittadino onorario [Video intervista] :ilSicilia.it
Palermo

Il conferimento a Palazzo Sant'Elia

Palermo, Pistoletto è cittadino onorario [Video intervista]

di
10 Marzo 2018

Palermo Capitale della Cultura, è una città in festa in questo weekend ricco di tanti e importanti appuntamenti tra cui il conferimento della cittadinanza onoraria all’artista Michelangelo Pistoletto che ha dato in prestito, per l’intero anno, la sua opera “Love Difference“, un tavolo specchiante a forma di Mediterraneo, posizionato nella Sala delle danze della Fondazione Sant’Elia.

pistoletto

Vedo il Mediterraneo come centro di una possibile trasformazione sociale – ci ha detto l’artista – Ho trovato a Palermo una grande volontà di trasformazione che da qui può coinvolgere il mondo intero; l’arte è il motore del pensiero e di ogni attività, nella modernità ha acquisito una libertà che deve diventare responsabilità, creazione che viene adottata da tutti per cambiare la società“.

Non nasconde l’entusiasmo e l’emozione Pistoletto nel vedere riuniti intorno al suo tavolo, non solo opera d’arte ma anche simbolo di un manifesto antropologico che ha fatto sponda già in molte altre città, gli operatori della Festa Europea della Musica, che vedrà un’anteprima, il 16 giugno con  mille giovani musicisti da tutta Europa, e una grande festa il 21 giugno, giornata mondiale della musica.

Paolo Masini, coordinatore del Progetto Festa della Musica per il MiBACT, ha svelato il testimonial dell’evento, Ezio Bosso che ha scelto come tema “Inno alla gioia“.

Durante l’incontro a cui hanno preso parte, oltre al sindaco Leoluca Orlando e all’assessore Andrea Cusumano, anche Silvia Costa, Cristina Loglio, Marco Staccioli, Giordano Sangiorgi, ed Hedwig Fijen, direttrice di Manifesta, è stato proiettato il  videoclip “Capitale” del rapper Christian Picciotto.

Prima della conferenza a Palazzo Sant’Elia, si svolta, a partire da Piazza Massimo, la sfilata di alcuni gruppi che ad Agrigento stanno partecipando al Mandorlo in fiore: le Torri Umane dei catalani Collavella Del Xiquets, Valls, (280 elementi che sfidano le leggi di gravità), e poi dalla Georgia i sofferti canti popolari dell’Enver Khabadze State Ensemble; dall’India i Rythm Rhythms che pescano nello yoga; le cornamuse e i tamburi scozzesi, i canti croati e le tradizioni religiose dell’agrigentino.

A partire dalle 19, infine, si potranno visitare gratuitamente in notturna tutti i siti del percorso arabo normanno e ammirare i videomapping sulla facciata di Palazzo Reale e su quella della Zisa dove si aprirà, per la prima volta, l’ingresso principale che permetterà di attraversare i giardini e raggiungere l’entrata originaria del Palazzo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.