Palermo, Pistoletto è cittadino onorario [Video intervista] :ilSicilia.it
Palermo

Il conferimento a Palazzo Sant'Elia

Palermo, Pistoletto è cittadino onorario [Video intervista]

di
10 Marzo 2018

Palermo Capitale della Cultura, è una città in festa in questo weekend ricco di tanti e importanti appuntamenti tra cui il conferimento della cittadinanza onoraria all’artista Michelangelo Pistoletto che ha dato in prestito, per l’intero anno, la sua opera “Love Difference“, un tavolo specchiante a forma di Mediterraneo, posizionato nella Sala delle danze della Fondazione Sant’Elia.

pistoletto

Vedo il Mediterraneo come centro di una possibile trasformazione sociale – ci ha detto l’artista – Ho trovato a Palermo una grande volontà di trasformazione che da qui può coinvolgere il mondo intero; l’arte è il motore del pensiero e di ogni attività, nella modernità ha acquisito una libertà che deve diventare responsabilità, creazione che viene adottata da tutti per cambiare la società“.

Non nasconde l’entusiasmo e l’emozione Pistoletto nel vedere riuniti intorno al suo tavolo, non solo opera d’arte ma anche simbolo di un manifesto antropologico che ha fatto sponda già in molte altre città, gli operatori della Festa Europea della Musica, che vedrà un’anteprima, il 16 giugno con  mille giovani musicisti da tutta Europa, e una grande festa il 21 giugno, giornata mondiale della musica.

Paolo Masini, coordinatore del Progetto Festa della Musica per il MiBACT, ha svelato il testimonial dell’evento, Ezio Bosso che ha scelto come tema “Inno alla gioia“.

Durante l’incontro a cui hanno preso parte, oltre al sindaco Leoluca Orlando e all’assessore Andrea Cusumano, anche Silvia Costa, Cristina Loglio, Marco Staccioli, Giordano Sangiorgi, ed Hedwig Fijen, direttrice di Manifesta, è stato proiettato il  videoclip “Capitale” del rapper Christian Picciotto.

Prima della conferenza a Palazzo Sant’Elia, si svolta, a partire da Piazza Massimo, la sfilata di alcuni gruppi che ad Agrigento stanno partecipando al Mandorlo in fiore: le Torri Umane dei catalani Collavella Del Xiquets, Valls, (280 elementi che sfidano le leggi di gravità), e poi dalla Georgia i sofferti canti popolari dell’Enver Khabadze State Ensemble; dall’India i Rythm Rhythms che pescano nello yoga; le cornamuse e i tamburi scozzesi, i canti croati e le tradizioni religiose dell’agrigentino.

A partire dalle 19, infine, si potranno visitare gratuitamente in notturna tutti i siti del percorso arabo normanno e ammirare i videomapping sulla facciata di Palazzo Reale e su quella della Zisa dove si aprirà, per la prima volta, l’ingresso principale che permetterà di attraversare i giardini e raggiungere l’entrata originaria del Palazzo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco