Palermo, prelievo multiorgano all'Ingrassia: donati fegato, reni e cornee :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

su una donna di 80 anni

Palermo, prelievo multiorgano all’Ingrassia: donati fegato, reni e cornee

di
18 Aprile 2021

La decisione dei congiunti di una donna di 80 anni, vittima di una emorragia cerebrale inoperabile, permette di dare nuove speranze a pazienti in attesa del trapianto. La scelta di donare gli organi ha messo in moto la complessa macchina organizzativa.

La donna di 80 anni era stata ricoverata il 4 aprile scorso all’Ospedale Ingrassia con emorragia cerebrale massiva inoperabile.  Ieri c’è stata la comunicazione da parte del coordinatore locale prelievi d’organo dell’Asp di Palermo, Calogero Bellia alla Direzione medica di presidio che ha convocato – per l’accertamento della morte cerebrale –  il collegio medico, composto dal direttore sanitario dell’Ingrassia, Nino Di Benedetto, da Luca Vicari (neurofisiopatologo) e Maria Rotolo (rianimatore), coadiuvati dal tecnico, Barbara Laganà , medici di sala Calogero Bellia e Dario Mariano.

Al termine del periodo di osservazione di 6 ore e dopo avere acquisito il consenso dei familiari è stato organizzato – con il continuo contatto e coinvolgimento del Centro Regionale Trapianti – il prelievo degli organi.

L’intervento è stato effettuato questa mattina nel complesso operatorio dell’Ospedale Ingrassia da una equipe multidisciplinare composta da medici delle Molinette di Torino e dell’Ismett di Palermo, coadiuvati dal personale medico ed infermieristico del nosocomio dell’Asp di Corso Calatafimi. Sono stati prelevati fegato, reni e cornee.

“Ringrazio i familiari della donna per il grande gesto di amore e generosità – ha detto il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoniil prelievo degli organi consentirà di dare nuove prospettive di vita a pazienti in attesa del trapianto. E’ emblematico che la donazione sia avvenuta esattamente una settimana dopo la  Giornata nazionale della donazione e del trapianto di organi, tessuti e cellule (l’11 aprile scorso, ndr), a conferma della sensibilità che sempre più coinvolge le persone. Un doveroso ringraziamento va, inoltre, all’organizzazione ed all’equipe multidisciplinare che ha lavorato con grande senso etico e spirito di collaborazione ed integrazione”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti