Palermo, presentato il progetto per il completamento dell'anello ferroviario | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Collegherà Giachery-Politeama con la stazione Notarbartolo

Palermo, presentato il progetto per il completamento dell’anello ferroviario | VIDEO

di
2 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

È stato presentato  a Palermo alla sede del Provveditorato delle Opere Pubbliche il progetto della Rete Ferroviaria Italiana per la chiusura dell’anello ferroviario del capoluogo siciliano., che porterà al prolungamento della tratta Giachery-Politeama verso la stazione Notarbartolo.

Alla presentazione hanno partecipato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore regionale all’ambiente e territorio Totò Cordaro, il provveditore delle Opere pubbliche Gianluca Ievolella, l’ingegnere di Rete Ferroviaria Italiana Filippo Palazzo, che si occupa del progetto e il vice-ministro delle infrastrutture e dei trasporti Giancarlo Cancelleri.

Leoluca Orlando

Il primo cittadino palermitano ha espresso soddisfazione per il progetto e per i risvolti che questo potrà avere a livello urbanistico: “Si conferma la visione di una mobilità sostenibile per la nostra città – ha spiegato- lo spirito di collaborazione con le ferrovie, siamo in presenza non soltanto dell’avvio delle procedure per realizzare il terzo anello ma di una straordinaria operazione di riqualificazione urbana nel tratto Giuseppina Turrisi Colonna, quello che va da Notarbartolo a Piazza Lolli. Una riqualificazione di aree – ha concluso Orlando –  che vengono messe a disposizione dalle ferrovie non per fare palazzi ma realizzare aree verdi in una zona popolata che potrà avere finalmente ulteriori spazi di godimento e vivibilità.

Giancarlo Cancelleri

Anche il viceministro delle Infrastrutture e dei trasporti Cancelleri  si è espresso positivamente sulla realizzazione dell’opera: “Palermo si dota di un’infrastruttura ulteriore, la chiusura dell’anello ferroviario porterà Palermo ad avere degli standard europei, la miglioriamo ulteriormente. Un importante investimento da 100 milioni prevede anche la riqualificazione della zona della fermata di Lolli, che regalaerà verde urbano, arredi urbani, giochi e soprattutto la possibilità di poter interconnettere l’anello ferroviario col passante attraverso questa pedonalizzazione superficiale”.

Gianluca Ievolella

Il provveditore delle Opere pubbliche Ievolella ha illustrato quelli che sono i passaggi preliminari prima dell’inizio dei lavori: “Questa è l’occasione per consegnare alla città l’anello ferroviario di collegamento suburbano del centro storico. A questo punto il centro storico di Palermo sarà collegato con la grande rete di distribuzione regionale e poi direttamente all’aeroporto. Noi entro fine ottobre l’esame lo concludiamo, l’ultima seduta sarà il 21. A novembre si attivano le conferenze di servizi che non si possono attivare se non c’è il nostro esame preliminare.

Filippo Palazzo

In merito ai tempi di completamento dell’opera l’ingegnere Filippo Palazzo ha spiegato che ogni stima è suscettibile di possibili variazioni: “Subito dopo l’approvazione che avverrà in tempi brevissimi entro il mese  -ha affermato – passeremo all’assessorato territorio e ambiente per le valutazioni ambientali. Poi ci sarà la conferenza di servizi e l’attività negoziale con una gara per arrivare alla consegna dei lavori, fare una progettazione esecutiva e dunque chiudere l’anello per dare alla città una nuova chance per la mobilità cittadina. I tempi previsti sono di 48 mesi dalla fine delle approvazioni. La gara che noi faremo – ha concluso – avrà tra la caratteristiche oltre ad un ribasso sul prezzo anche una valutazione dei tempi d’esecuzione. Oggi è una previsione progettuale: in fase di gara avremo dei tempi certi per l’esecuzione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin