Palermo, pronte le case per le prime quattro famiglie rom del campo nomadi :ilSicilia.it
Palermo

ieri sera l'incontro tecnico

Palermo, pronte le case per le prime quattro famiglie rom del campo nomadi

di
3 Agosto 2018

Le prime quattro famiglie saranno trasferite dal campo rom della Favorita entro 10 giorni e le baracche non utilizzate saranno immediatamente abbattute con la contestuale messa in sicurezza dell’area. E’ quanto emerso a conclusione dell’ incontro tecnico, ieri sera, coordinato dal sindaco Leoluca Orlando e dall’assessore alla Cittadinanza solidale Giuseppe Mattina, per l’attuazione dell’ordinanza sindacale inerente alla dismissione del campo nomadi della Favorita e alla garanzia di condizioni di sicurezza per le persone che lo abitano.

Erano presenti i rappresentanti delle Attività sociali, del Servizio dignità dell’abitare, del Patrimonio, della polizia municipale, della Rap, di Reset, di Amg, di Amap, del Coime. Già ieri alcune squadre di Amg sono intervenute per alcuni interventi di messa in sicurezza degli impianti elettrici nell’area. Sulla base delle informazioni raccolte dagli operatori dei servizi sociali sulle famiglie che risultano residenti nel campo alla data del provvedimento di sequestro da parte della magistratura, in tutto 16 famiglie, le aziende partecipate e gli uffici del comune hanno predisposto un cronoprogramma stringente per attivare tutti i passaggi necessari.

Tutte le procedure attivate non saranno in deroga, bensì in attuazione dei regolamenti comunali in atto vigenti a tutela dei diritti delle persone ed in ossequio alle direttive della magistratura. Per tutte le famiglie interessate si sta predisponendo un progetto e un piano personalizzato di accompagnamento alla fuoriuscita dal campo. Per il sindaco e l’assessore Mattina “L‘Amministrazione comunale dimostra di rifiutare la cultura e la logica della presunta guerra fra poveri e rigetta con forza ogni tentativo di dividere le persone fra cittadini di serie A e serie B”.

“L’impegno dell’Amministrazione – aggiungono – deve essere ed è a 360 gradi a tutela delle persone fragili o in difficoltà, di superamento dell’emergenza abitativa, di tutela dei diritti e della dignità di tutti e di ciascuno. Questo intervento – concludono – è stato programmato nel tempo per superare una situazione più che ventennale e fa parte di un complesso ed ampio progetto di sviluppo sociale e strutturale della nostra Comunità, di tutta la nostra comunità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.