Palermo, "pupi antimafia": nuovo spettacolo dedicato al poliziotto Natale Mondo :ilSicilia.it
Palermo

La rappresentazione sarà domenica 14 gennaio

Palermo, “pupi antimafia”: nuovo spettacolo dedicato al poliziotto Natale Mondo

di
9 Gennaio 2018

Si svolgerà domenica 14 gennaio a Palermo la prima nazionale del nuovo spettacolo dei pupi antimafia di Angelo Sicilia. L’ultimo lavoro del marionettista e regista palermitano è la “Storia di Natale Mondo. Un poliziotto contro la mafia” dedicato alla vita dell’eroico poliziotto della squadra mobile di Palermo, braccio destro di Ninni Cassarà, ucciso dalla mafia all’Arenella. La rappresentazione si svolgerà alle 12 nella sala Corona della caserma Lungaro della Polizia di Stato a Palermo, in corso Pisani 126, in occasione del 30° anniversario dell’uccisione dell’eroico poliziotto con ingresso gratuito.
“La nostra compagnia – dice Angelo Sicilia, fondatore e direttore della “Marionettistica Popolare Siciliana” -, è da sempre schierata in prima linea nella lotta alla mafia e nella diffusione della legalità nelle scuole e fra le nuove generazioni attraverso gli spettacoli dei “Pupi antimafia” che raccontano le gesta di chi è caduto combattendo contro Cosa nostra e tutte le mafie”.

“Sin dal 2002 – dice – abbiamo prodotto un ciclo di rappresentazioni che raccontano le vicende, tra gli altri, di: Peppino Impastato, Pio La Torre, Lia Pipitone, Rosario Livatino, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Padre Pino Puglisi e ora di Natale Mondo. Nello spettacolo si parlerà di quell’eccezionale nucleo investigativo della Squadra Mobile di Palermo che fu decimato negli anni ’80: “Lillo Zucchetto, Beppe Montana, Ninni Cassarà, Roberto Antiochia e Natale Mondo”.
Natale Mondo, palermitano, entrò giovanissimo in polizia e fu collaboratore di Ninni Cassarà prima a Trapani e poi alla squadra mobile di Palermo. Sfuggì miracolosamente all’attentato del 6 agosto del 1985, costato la vita allo stesso Cassarà e all’agente di scorta Roberto Antiochia, ma venne accusato per questo di essere la talpa della Questura. Fu arrestato ed incarcerato ingiustamente. Natale Mondo fu scagionato in seguito e reintegrato nella polizia. Fu ucciso da alcuni sicari della mafia sotto casa sua, nel quartiere dell’Arenella, il pomeriggio del 14 gennaio 1988.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin