Palermo, "pupi antimafia": nuovo spettacolo dedicato al poliziotto Natale Mondo :ilSicilia.it
Palermo

La rappresentazione sarà domenica 14 gennaio

Palermo, “pupi antimafia”: nuovo spettacolo dedicato al poliziotto Natale Mondo

di
9 Gennaio 2018

Si svolgerà domenica 14 gennaio a Palermo la prima nazionale del nuovo spettacolo dei pupi antimafia di Angelo Sicilia. L’ultimo lavoro del marionettista e regista palermitano è la “Storia di Natale Mondo. Un poliziotto contro la mafia” dedicato alla vita dell’eroico poliziotto della squadra mobile di Palermo, braccio destro di Ninni Cassarà, ucciso dalla mafia all’Arenella. La rappresentazione si svolgerà alle 12 nella sala Corona della caserma Lungaro della Polizia di Stato a Palermo, in corso Pisani 126, in occasione del 30° anniversario dell’uccisione dell’eroico poliziotto con ingresso gratuito.
“La nostra compagnia – dice Angelo Sicilia, fondatore e direttore della “Marionettistica Popolare Siciliana” -, è da sempre schierata in prima linea nella lotta alla mafia e nella diffusione della legalità nelle scuole e fra le nuove generazioni attraverso gli spettacoli dei “Pupi antimafia” che raccontano le gesta di chi è caduto combattendo contro Cosa nostra e tutte le mafie”.

“Sin dal 2002 – dice – abbiamo prodotto un ciclo di rappresentazioni che raccontano le vicende, tra gli altri, di: Peppino Impastato, Pio La Torre, Lia Pipitone, Rosario Livatino, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Padre Pino Puglisi e ora di Natale Mondo. Nello spettacolo si parlerà di quell’eccezionale nucleo investigativo della Squadra Mobile di Palermo che fu decimato negli anni ’80: “Lillo Zucchetto, Beppe Montana, Ninni Cassarà, Roberto Antiochia e Natale Mondo”.
Natale Mondo, palermitano, entrò giovanissimo in polizia e fu collaboratore di Ninni Cassarà prima a Trapani e poi alla squadra mobile di Palermo. Sfuggì miracolosamente all’attentato del 6 agosto del 1985, costato la vita allo stesso Cassarà e all’agente di scorta Roberto Antiochia, ma venne accusato per questo di essere la talpa della Questura. Fu arrestato ed incarcerato ingiustamente. Natale Mondo fu scagionato in seguito e reintegrato nella polizia. Fu ucciso da alcuni sicari della mafia sotto casa sua, nel quartiere dell’Arenella, il pomeriggio del 14 gennaio 1988.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.