Ricorso del Palermo, questo il comunicato ufficiale del CONI | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Queste le richieste del Palermo al Coni

Ricorso del Palermo, questo il comunicato ufficiale del CONI

di
17 Maggio 2019

Il Palermo Calcio va all’attacco dopo la sentenza che decreta la retrocessione in C e i successivi vergognosi pronunciamenti, che non tengono conto della realtà e delle sentente (fino alla cassazione) che dicono esattamente il contrario.

Ci sono interessi di parte e interessi privati in atti d’ufficio? L’opinione popolare ormai è questa e se ci aggiungiamo che potrebbero esserci interessi per far fallire il Palermo e poi prenderlo a costo zero da parte di personaggi, i cui nomi sono nella bocca di tutti non solo a Palermo, ecco che si comprende il perchè si è fatto questo processo e poi, con una sentenza senza fondamento ne in diritto nè in fatto, ne è stata data immediata esecutività.

Il tutto, mentre, guarda caso, ancora dopo un anno stiamo aspettando che venga data ragione al Palermo e la serie A per i fatti illeciti e illegali che riguardano tre  squadre abusive in serie A.

Il club di viale del Fante dopo la richiesta di sospensione dei playoff rigettata della Corte Federale d’Appello ha deciso a tarda notte di presentare ricorso cautelare al Collegio di Garanzia del Coni.

Di seguito, il comunicato ufficiale diramato pochi istanti fa dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

“La società U.S. Palermo S.p.A. ha presentato un ricorso contro la Federazione Italiana Gioco Calcio e la Procura Federale della FIGC e nei confronti di Maurizio Zamparini, di Anastasio Morosi, di Giovanni Giammarva, del Benevento Calcio s.r.l. per la riforma e/o l’annullamento della ordinanza della Corte Federale d’Appello della FIGC – Sezioni Unite, di cui al C.U. n. 102/CFA (2018/2019), adottata il 16 maggio 2019, comunicata in pari data, che si è pronunciata sulla istanza cautelare urgente formulata dalla società US Città di Palermo S.P.A. nel reclamo dalla stessa introdotto in data 15 maggio 2019, avverso la decisione del Tribunale Federale Nazionale, pubblicato sul C.U. n. 63/TFN del 13 maggio 2019 concernente il deferimento del Procuratore federale n. 12055/816pf18-19/GP/GC/blp del 29 aprile 2019.

La vicenda trae origine dal deferimento, da parte della Procura Federale FIGC, a carico della U.S. Città di Palermo S.p.A., per responsabilità diretta e oggettiva, per violazione dell’art. 4, commi 1 e 2, CGS FIGC, per i fatti addebitati in concorso tra loro a Maurizio Zamparini – per i 7 addebiti di cui al deferimento -, Anastasio Morosi – per i 5 addebiti di cui al deferimento – e Giovanni Giammarva – per l’addebito di cui al deferimento – da cui è conseguita la pronuncia, in primo grado endofederale, del Tribunale Federale Nazionale FIGC (C.U. n. 63/TFN del 13 maggio u.s.), con la quale è stato dichiarato inammissibile il deferimento a carico del sig. Zamparini e sono state irrogate le sanzioni della inibizione di 2 anni a carico del sig. Giammarva, della inibizione di cinque anni a carico del sig. Anastasio e della sanzione della retrocessione del Palermo all’ultimo posto della classifica del Campionato di Serie B s.s. 2018/2019, per la evidenziata “sistematica attività volta ad eludere i principi di sana gestione finanziaria e volta a rappresentare in maniera fedele alla realtà lo stato di salute della società deferita. A fronte di tali circostanze, è derivato il compimento di attività chiaramente elusive, idonee a non fotografare la reale situazione della società, proseguite ininterrottamente dal 2015 al 2018 e aventi il loro apice relativamente al bilancio del 30 giugno 2016 le cui alterazioni, per quanto risulta dagli atti oggetto del giudizio, hanno consentito di conseguire l’iscrizione al campionato di calcio 2017/2018”.

La società ricorrente chiede al Collegio di Garanzia di annullare e/o riformare la decisione impugnata e, per l’effetto, di sospendere, anche inaudita altera parte, con estrema urgenza e con effetti immediati, l’efficacia esecutiva della decisione del Tribunale Federale FIGC del 13 maggio 2019 sino alla definizione del citato giudizio d’appello attualmente pendente, per le ragioni e nei termini esposti nel presente gravame, ovvero, in ogni caso, anche indipendentemente dalla decisione impugnata, di adottare qualsiasi altro provvedimento cautelare utile ad evitare che il Palermo, nelle more del procedimento pendente dinnanzi alla CFA FIGC, subisca il qui denunciato danno grave ed irreparabile derivante dalla mancata partecipazione ai playoff di Serie B della stagione in corso”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin