Palermo: "Regolamentare l'uso della canapa", sit-in di protesta a Palazzo delle Aquile :ilSicilia.it
Palermo

L'INIZIATIVA DEL COMITATO "ESISTONO I DIRITTI"

Palermo: “Regolamentare l’uso della canapa”, sit-in di protesta a Palazzo delle Aquile

di
25 Giugno 2020

In contemporanea all’evento #IoColtivo a Roma davanti Montecitorio, il Comitato Esistono i Diritti ha indetto un sit-in davanti a Palazzo delle Aquile, a Palermo per sostenere la manifestazione nazionale a favore di una legge che regolamenti l’uso della canapa in Italia.

Il movimento antiproibizionista nazionale, facendo leva anche sulla sentenza dalla Corte di Cassazione emessa a sezioni riunite lo scorso fine anno, chiede al Parlamento di legiferare in merito, seguendo le “indicazioni della più alta Corte di giustizia in materia penale”, al fine di decriminalizzare la coltivazione di uso personale.

La legalizzazione inoltre toglierebbe alle organizzazioni criminali ingenti guadagni che contribuiscono a finanziare altre attività illecite e creerebbe un importante incremento di posti di lavoro stimato in oltre 300.000 unità. Un’altra importante domanda è costituita dall’uso terapeutico dei principi attivi della canapa che oggi vengono importati per la maggior parte dall’estero, con costi molto più alti sostenuti dai pazienti, quando non sono costretti a ricorrere al mercato illegale per la mancanza del prodotto.

Per tutti questi motivi il Comitato “Esistono i Diritti” ha voluto manifestare il proprio appoggio all’iniziativa promossa da cento parlamentari e, insieme ai presidenti Gaetano D’Amico, Alberto Mangano e Pino Apprendi, ha visto la partecipazione di esponenti del mondo della politica, della cultura e dell’arte oltre a singoli cittadini che si sono uniti al Comitato.

Tra questi la fotografa Letizia Battaglia e gli attori Sara Favarò e Marco Feo, la deputata regionale Stefania Campo e il deputato regionale Claudio Fava che, pur aderendo alla manifestazione, non ha potuto essere presente per impegni istituzionali. Folta la delegazione di consiglieri comunali di diversi partiti sia di maggioranza che di minoranza, come nello spirito transpartitico del Comitato, che sostengono la battaglia per la legalizzazione della canapa e sono impegnati anche in altre iniziative sui diritti civili come per l’appunto la canapa per uso terapeutico e la figura del garante comunale dei diritti dei detenuti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin