Palermo, Reset senza presidente. Lega: "Inaccettabile, non ci si può affidare a volontari" :ilSicilia.it
Palermo

il caso

Palermo, Reset senza presidente. Lega: “Inaccettabile, non ci si può affidare a volontari”

di
26 Agosto 2021

La Reset, la società controllata dal comune di Palermo, che si occupa di manutenzioni, servizi di guardiania e pulizie, ormai da qualche settimana è rimasta senza il presidente Antonio Perniciaro che l’ha guidata per 3 anni. In questo momento, la società, che conta circa 1.300 dipendenti, è controllata dal collegio sindacale.

Perniciaro è scaduto lo scorso 13 agosto, dopo una proroga di 45 giorni. Il sindaco Leoluca Orlando avrebbe voluto riconfermare l’ingegnere in pensione che ha gestito la complessa azienda senza alcun compenso, ma Perniciaro rivendica il diritto a ricevere gli emolumenti rispetto al lavoro svolto. Il comune sostiene che la legge non consente la possibilità di corrispondere emolumenti a pensionati, da qui si è innescato il contenzioso.

L’amministrazione era pronta a rinnovare per il prossimo triennio Perniciaro, ovviamente a titolo gratuito, dunque, l’ingegnere ha ringraziato spiegando di non poter accettare le condizioni proposte, anche perché ha prodotto una serie di documenti che confermerebbero il suo diritto a ricevere i pagamenti da libero professionista. La questione ora è passata al segretario generale del comune e all’avvocatura comunale.

L’amministrazione, come dimostra anche la situazione di Rap, sembra votata al massacro delle proprie aziende, sempre più costrette da tagli finanziari e sempre più prive di vertici. E’ inaccettabile – dicono i leghisti Igor Gelarda, Marianna Caronia ed Elisabetta Luparello -. Non si può pensare di affidarsi sempre a volontari per la gestione di aziende con centinaia di dipendenti e che svolgono servizi essenziali di pubblica utilità per decine di milioni di euro, con rischi e responsabilità che spesso finiscono in tribunale proprio come nel caso di Reset, che deve poter lavorare bene. Orlando si attivi per dare un vertice e garantire ai lavoratori e all’azienda i fondi più volte promessi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin