Palermo, residenza negata a un figlio di rifugiati. La Lega: "La responsabilità è solo di Orlando" :ilSicilia.it
Palermo

la stoccata al sindaco

Palermo, residenza negata a un figlio di rifugiati. La Lega: “La responsabilità è solo di Orlando”

16 Gennaio 2019

“Sulla vicenda del figlio dei rifugiati che a Palermo ha difficoltà ad ottenere la residenza – afferma Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio Comunale e responsabile siciliano enti locali del partito guidato dal vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini-  il sindaco Orlando non perde occasione di esercitarsi con l’attività politica di che gli riesce meglio, la speculazione, affibbiando ancora una volta colpe proprie ad altri, quando invece i problemi in città sono quasi sempre causati dalla sua cattiva amministrazione”.

Il riferimento è alla notizia del giovane di 18 anni figlio di rifugiati di guerra arrivati in Italia alla fine degli anni ’90, nato e cresciuto a Palermo e seguito dai servizi sociali del Comune, che rischia di vedersi negata la concessione della residenza virtuale pur avendo la ricevuta dell’istanza di richiesta di permesso di soggiorno.

“Un figlio di rifugiati cresciuto a Palermo ha diritto alla cittadinanza – dice Gelarda – . Il ragazzo è nostro concittadino, oltre ogni carta. Se Orlando non è in grado di impartire le corrette disposizioni ai suoi uffici, faccia autocritica e non cerchi nel ministro Salvini il capo espiatorio di tutto. Lo stesso primo cittadino palermitano dichiara che il decreto sicurezza nulla ha a che fare con l’immobilismo della sua amministrazione”.

“Tra poco, dopo avere dato la colpa dell’immondizia all’ex sindaco Cammarata, il Professore proverà a scaricare su Salvini pure questa responsabilità. Secondo Orlando e per una certa sinistra inconcludente, Salvini è causa di tutti i mali del mondo. Finiamola”.

“Ciascuno faccia il suo dovere senza cercare altri a cui addebitare le proprie responsabilità, magari l’Italia ripartirà più velocemente. Il sindaco Orlando faccia piuttosto un regalo ai palermitani e ai migranti – conclude Gelarda candidandosi a maggio alle elezioni europee. Avrà il sostegno di tutti per diventare parlamentare a Bruxelles, liberando per sempre Palermo da un primo cittadino ormai al tramonto, innamorato soltanto di sé stesso”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.