Palermo, resta in carcere la 'ladra di telefonini': "Mi servivano per comprare droga" :ilSicilia.it
Palermo

l'interrogatorio

Palermo, resta in carcere la ‘ladra di telefonini’: “Mi servivano per comprare droga”

di
10 Marzo 2022

Il giudice per le indagini preliminari Cristina Lo Bue non ha convalidato il fermo della giovane di 27 anni arrestata dalla polizia e accusata di decine di furti di cellulari negli esercizi commerciali a Palermo. Per la ladra di telefonini, tablet e anche borse e portafogli il giudice non ha ravvisato il pericolo di fuga, ma ha disposto la misura della detenzione in carcere.

La giovane è accusata di 27 colpi messi a segno tra aprile dello scorso anno e febbraio scorso. Gli agenti dei commissariati Zisa, Oreto e Libertà hanno organizzato un controllo del territorio per riuscire a beccarla visto che la giovane dal vistoso tatuaggio sulla mano non aveva una fissa dimora. Durante l’interrogatorio assistita dall’avvocato Salvatore Ferrante, ha ammesso le proprie responsabilità. La 27enne ha confessato di essere dipendente dalla droga, di essere stata già seguita dagli specialisti del Servizio per le tossicodipendenze dell’Asp e di aver provato, senza riuscirci a disintossicarsi. Ha detto al giudice di volere riprovare. Adesso si sta cercando la comunità terapeutica per intraprendere il percorso di disintossicazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro