Palermo: ricollocate nella Chiesa del SS. Salvatore le tele del Tancredi e Borremans | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

dopo quasi 100 anni

Palermo: ricollocate nella Chiesa del SS. Salvatore le tele del Tancredi e Borremans | Video interviste

7 Agosto 2019

Guarda le video interviste in alto

Dopo quasi cento anni sono ritornate a casa, ovvero nella Chiesa del SS. Salvatore (corso Vittorio Emanuele 392), grazie all’operato dell’Associazione Amici dei Musei Siciliani, quattro tele dall’alto valore artistico, due di Filippo Tancredi e due del pittore fiammingo Guglielmo Borremans.

SS. Salvatore

Se le opere del Tancredi, esposte in precedenza allo Steri e di proprietà della Galleria Regionale Museo Abatellis, che le ha donate al SS. Salvatore, non necessitavano di nessun intervento, le due tele di Borremans, invece, sono state restaurate, per la prima volta, dal professore Mauro Sebastianelli, all’interno del laboratorio di restauro del Museo Diocesano.

Il restauro di queste due tele è stato eccezionale perché abbiamo avuto la grande fortuna di intervenire su opere “vergini” ovvero mai toccate da altre mani – ci dice Sebastianelli nella video intervista – Ciò ci ha fornito la possibilità di un minimo intervento conservativo e, inoltre, ci ha rivelato dettagli e metodologie che si sono rivelate fondamentali per l’approfondimento dello studio della produzione del pittore fiammingo“.

SS. Salvatore
opera del Tancredi

Ogni angolo della chiesa, dai marmi delle pareti alle opere collocate, testimonia il valore storico e culturale di quest’edificio, sorto poco dopo l’anno 1000 come monastero delle suore basiliane e poi consacrata, come luogo di culto, nel 1704.

Dopo i bombardamenti del 1943, che ne distrussero gran parte, l’edifico venne restaurato con criteri scientifici e, negli anni ’60, l’altare principale, originariamente in linea con l’ingresso, venne dislocato in altra posizione.

Le opere che sono state ricollocate, come ci dice monsignor Gaetano Tulipano, rettore della chiesa, “sono state fatte per questa chiesa con un motivo telologico, liturgico, spirituale e pastorale, quattro finalità che speriamo guidino ancora oggi“.

SS. Salvatore
mons. Gaetano Tulipano

Le opere del Tancredi, ci spiega monsignor Tulipano, rappresentano una la risposta che la chiesa cattolica diede all’eresia luterana sulla Santa Messa come sacrificio del Signore; l’altra vuole dire che c’è una presenza continua del Signore in mezzo al suo popolo.

Nell’altare di Santa Rosalia, invece, si trovano rappresentati Pantaleone e la Maddalena che, insieme, sintetizzano con al loro vita l’esperienza della Santuzza.

Il ripristino del SS. Salvatore non è ancora ultimato ci dice, infine, Bernardo Tortorici di Raffadali, presidente dell’Associazione Amici dei Museo Siciliani, impegnati a rintracciare le opere mancanti per poterle un giorno, nella migliore delle ipotesi, ricollocarle nei luoghi originari.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.