Palermo: ricollocate nella Chiesa del SS. Salvatore le tele del Tancredi e Borremans | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

dopo quasi 100 anni

Palermo: ricollocate nella Chiesa del SS. Salvatore le tele del Tancredi e Borremans | Video interviste

di
7 Agosto 2019

Guarda le video interviste in alto

Dopo quasi cento anni sono ritornate a casa, ovvero nella Chiesa del SS. Salvatore (corso Vittorio Emanuele 392), grazie all’operato dell’Associazione Amici dei Musei Siciliani, quattro tele dall’alto valore artistico, due di Filippo Tancredi e due del pittore fiammingo Guglielmo Borremans.

SS. Salvatore

Se le opere del Tancredi, esposte in precedenza allo Steri e di proprietà della Galleria Regionale Museo Abatellis, che le ha donate al SS. Salvatore, non necessitavano di nessun intervento, le due tele di Borremans, invece, sono state restaurate, per la prima volta, dal professore Mauro Sebastianelli, all’interno del laboratorio di restauro del Museo Diocesano.

Il restauro di queste due tele è stato eccezionale perché abbiamo avuto la grande fortuna di intervenire su opere “vergini” ovvero mai toccate da altre mani – ci dice Sebastianelli nella video intervista – Ciò ci ha fornito la possibilità di un minimo intervento conservativo e, inoltre, ci ha rivelato dettagli e metodologie che si sono rivelate fondamentali per l’approfondimento dello studio della produzione del pittore fiammingo“.

SS. Salvatore
opera del Tancredi

Ogni angolo della chiesa, dai marmi delle pareti alle opere collocate, testimonia il valore storico e culturale di quest’edificio, sorto poco dopo l’anno 1000 come monastero delle suore basiliane e poi consacrata, come luogo di culto, nel 1704.

Dopo i bombardamenti del 1943, che ne distrussero gran parte, l’edifico venne restaurato con criteri scientifici e, negli anni ’60, l’altare principale, originariamente in linea con l’ingresso, venne dislocato in altra posizione.

Le opere che sono state ricollocate, come ci dice monsignor Gaetano Tulipano, rettore della chiesa, “sono state fatte per questa chiesa con un motivo telologico, liturgico, spirituale e pastorale, quattro finalità che speriamo guidino ancora oggi“.

SS. Salvatore
mons. Gaetano Tulipano

Le opere del Tancredi, ci spiega monsignor Tulipano, rappresentano una la risposta che la chiesa cattolica diede all’eresia luterana sulla Santa Messa come sacrificio del Signore; l’altra vuole dire che c’è una presenza continua del Signore in mezzo al suo popolo.

Nell’altare di Santa Rosalia, invece, si trovano rappresentati Pantaleone e la Maddalena che, insieme, sintetizzano con al loro vita l’esperienza della Santuzza.

Il ripristino del SS. Salvatore non è ancora ultimato ci dice, infine, Bernardo Tortorici di Raffadali, presidente dell’Associazione Amici dei Museo Siciliani, impegnati a rintracciare le opere mancanti per poterle un giorno, nella migliore delle ipotesi, ricollocarle nei luoghi originari.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.