Palermo, rider picchiato da un ristoratore per tre euro :ilSicilia.it
Palermo

gli ha fratturato il naso

Palermo, rider picchiato da un ristoratore per tre euro

di
5 Febbraio 2021

Lite tra il titolare di una yogurteria e un rider di Glovo ieri sera a Palermo. La zuffa sarebbe scoppiata perché il fattorino avrebbe atteso troppo per alcune crepes da consegnare. Sono intervenuti i carabinieri.

A segnalare l’episodio è stato un altro rider. “Un mio collega è stato preso a pugni e gli è uscito sangue dal naso solo per essersi lamentato per l’attesa, 45 minuti per una crepes – ha raccontato – Il commerciante era nervoso e gli ha dato pugno perché gli era stato chiesto a che punto fosse l’ordine. Ora basta: rischiamo ogni giorno di fare incidenti, buttati sotto la pioggia. Ci devono rispettare, soprattutto Glovo”.

Il rider portato all’ospedale Policlinico è stato medicato. La prognosi è di 30 giorni.

Diversa la versione del titolare dell’esercizio commerciale. Sarebbe stato lui ad essere aggredito dal fattorino che lo avrebbe insultato e colpito con pugni al petto e in faccia. I carabinieri hanno acquisito i video del locale per accertare le responsabilità e ricostruire quanto successo. Il titolare ha raccontato anche di avere subito minacce nei suoi confronti anche da parte di altri rider.

LA PROTESTA DEI SINDACATI

Cgil Palermo e Nidil Cgil Palermo intervengono sull’ennesimo episodio di violenza  nei confronti di un rider a Palermo, colpito ieri sera da un ristoratore per il quale stava ricevendo una consegna.

Al rider di Glovo, che ha subito la frattura del naso, la solidarietà di Nidil e della Cgil palermitana. “Non si può permettere che un lavoratore torni a casa con il naso rotto per una consegna di 3 eurodichiarano il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso e il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo – Rispetto alle altre volte,  questo episodio di violenza, che stigmatizziamo, è avvenuto nell’ambito di uno dei partner di Glovo, un ristorante, tra le categorie che più delle altre sta soffrendo e che sta andando avanti grazie al lavoro dei rider”.

Mario Ridulfo
Mario Ridulfo

I rider – aggiungono Gattuso e Ridulfo – sono lavoratori con gli stessi diritti e doveri degli altri, che meritano rispetto per la funzione che svolgono, sia nei confronti della cittadinanza, specie in questo momento, che per il valore economico e sociale soprattutto nei confronti del mondo della ristorazione, gravemente danneggiato dalla pandemia”.

Condanniamo ogni forma di violenza e chiediamo rispetto verso chi svolge un servizio importante per la città – proseguono Ridulfo e Gattuso – Lanciamo ancora una volta un appello alle istituzioni, a partire dal Comune Di Palermo, perché mettano in campo azioni a tutela della sicurezza e dei diritti dei rider”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin