Palermo, rider picchiato da un ristoratore per tre euro :ilSicilia.it
Palermo

gli ha fratturato il naso

Palermo, rider picchiato da un ristoratore per tre euro

di
5 Febbraio 2021

Lite tra il titolare di una yogurteria e un rider di Glovo ieri sera a Palermo. La zuffa sarebbe scoppiata perché il fattorino avrebbe atteso troppo per alcune crepes da consegnare. Sono intervenuti i carabinieri.

A segnalare l’episodio è stato un altro rider. “Un mio collega è stato preso a pugni e gli è uscito sangue dal naso solo per essersi lamentato per l’attesa, 45 minuti per una crepes – ha raccontato – Il commerciante era nervoso e gli ha dato pugno perché gli era stato chiesto a che punto fosse l’ordine. Ora basta: rischiamo ogni giorno di fare incidenti, buttati sotto la pioggia. Ci devono rispettare, soprattutto Glovo”.

Il rider portato all’ospedale Policlinico è stato medicato. La prognosi è di 30 giorni.

Diversa la versione del titolare dell’esercizio commerciale. Sarebbe stato lui ad essere aggredito dal fattorino che lo avrebbe insultato e colpito con pugni al petto e in faccia. I carabinieri hanno acquisito i video del locale per accertare le responsabilità e ricostruire quanto successo. Il titolare ha raccontato anche di avere subito minacce nei suoi confronti anche da parte di altri rider.

LA PROTESTA DEI SINDACATI

Cgil Palermo e Nidil Cgil Palermo intervengono sull’ennesimo episodio di violenza  nei confronti di un rider a Palermo, colpito ieri sera da un ristoratore per il quale stava ricevendo una consegna.

Al rider di Glovo, che ha subito la frattura del naso, la solidarietà di Nidil e della Cgil palermitana. “Non si può permettere che un lavoratore torni a casa con il naso rotto per una consegna di 3 eurodichiarano il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso e il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo – Rispetto alle altre volte,  questo episodio di violenza, che stigmatizziamo, è avvenuto nell’ambito di uno dei partner di Glovo, un ristorante, tra le categorie che più delle altre sta soffrendo e che sta andando avanti grazie al lavoro dei rider”.

Mario Ridulfo
Mario Ridulfo

I rider – aggiungono Gattuso e Ridulfo – sono lavoratori con gli stessi diritti e doveri degli altri, che meritano rispetto per la funzione che svolgono, sia nei confronti della cittadinanza, specie in questo momento, che per il valore economico e sociale soprattutto nei confronti del mondo della ristorazione, gravemente danneggiato dalla pandemia”.

Condanniamo ogni forma di violenza e chiediamo rispetto verso chi svolge un servizio importante per la città – proseguono Ridulfo e Gattuso – Lanciamo ancora una volta un appello alle istituzioni, a partire dal Comune Di Palermo, perché mettano in campo azioni a tutela della sicurezza e dei diritti dei rider”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti