Palermo, rider sospeso da lavoro: in appello confermata condanna azienda :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Palermo, rider sospeso da lavoro: in appello confermata condanna azienda

di
13 Ottobre 2021

La Corte d’appello di Palermo ha confermato il giudizio in primo grado, che ha ritenuto discriminatoria la condotta di Social Food nei confronti del rider Fabio Pace, militante di Nidil Cgil Palermo, assistito anche dalla Filcams e dalla Filt.

Il lavoratore aveva aderito a una organizzazione sindacale diversa a quella firmataria dell’accordo stipulata da Assodeliver con Ugl e dal giugno 2020 era stato sospeso dai turni di lavoro e aveva deciso di fare causa all’azienda. Social Food è stata condannata alla corresponsione in favore del rider, a titolo di risarcimento del danno conseguente all’illegittimo recesso, di un importo pari alle retribuzioni che lo stesso avrebbe percepito dalla data del recesso sino alla naturale scadenza del rapporto, nonchè al risarcimento del danno non patrimoniale, dipendente dalla condotta discriminatoria.

“Questa sentenza, che accogliamo con estremo favore, ribadisce il diritto del lavoratore Fabio Pace al dissenso, e quindi a non sottoscrivere un contratto di lavoro che aderisce alla regolamentazione tra Assodelivery e Ugl che, come più volte da noi ribadito, è una organizzazione non rappresentativa di tutti i lavoratori – dice il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso – A quasi un anno dall’applicazione dell’accordo, le condizioni di lavoro dei rider delle piattaforme aderenti ad Assodelivery, Glovo, Deliveroo, Uber Eats e Social Food, sono nettamente peggiorate, sia dal punto di vista dei guadagni che dal punto di vista dei diritti e dell’ attività quotidiana”. “Esprimiamo grande soddisfazione per questa duplice vittoria – affermano i segretari generali di Filcams Cgil Palermo Giuseppe Aiello e di Filt Cgil Palermo Gaetano Bonavia – Fabio Pace è stato sottoposto a una palese discriminazione, come confermano ormai due sentenze. Speriamo che questa decisione consenta di migliorare finalmente le condizioni di lavoro dei rider. La sentenza di fatto conferma l’importanza dell’attività sindacale svolta dai nostri delegati aziendali a tutti i livelli”.

“La Corte, più in generale – spiega l’avvocato Giorgia Lo Monaco – ha ritenuto che Social Food ha effettivamente compiuto un atto di discriminazione indiretta, nella misura in cui ha prospettato ai lavoratori, ove non acconsentissero alla sottoscrizione del nuovo contratto, quale unica alternativa, l’immediata risoluzione del contratto in corso di esecuzione. Si legge ancora nella sentenza che si è trattato, infatti, a ben vedere, di una condotta che ha fortemente coartato la libertà negoziale dei collaboratori, costringendoli, di fatto, ad accettare le nuove condizioni contrattuali, a pena di perdita del rapporto di lavoro”.

“Adesso ci auguriamo – aggiunge Gattuso – che questa ennesima conferma da parte della Corte d’Appello di Palermo spinga anche le istituzioni, a partire dal governo, a cancellare l’assurdo dualismo che si è generato con l’uscita di Just Eat dal cartello di Assodelivery, generando una situazione in cui per lo stesso lavoro, nello stesso paese, l’ Italia, si lavora con due regimi diversi, lavoro subordinato e lavoro autonomo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin