Palermo: rifiuti speciali sotterrati nel cantiere del Passante Fs, scatta il sequestro | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia è partita da un residente della zona

Palermo: rifiuti speciali sotterrati nel cantiere del Passante Fs, scatta il sequestro | VIDEO

di
8 Novembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Rifiuti speciali sotterrati a pochi passi dalla nuova stazione ferroviaria realizzata a Palermo nei pressi di via Ugo La Malfa. Le immagini in alto – girate in via Pietro Nenni – sembrerebbero documentare operazioni illecite effettuate da un’impresa incaricata dalle Ferrovie per la sistemazione di viale Francia e via Monti Iblei, nell’ambito dell’appalto del Passante ferroviario.

Rifiuti speciali sotterrati in via Pietro Nenni, Foto 07Un residente della zona, insospettito da un continuo via vai di mezzi di cantiere intenti a seppellire scarti edili, sfabbricidi e perfino amianto, ha documentato tutto con le telecamere di videosorveglianza della propria casa, mandando la denuncia e un esposto alla Procura della Repubblica.

Dopo alcuni mesi di indagini e raccolta del materiale probatorio (fotografie e filmati) i carabinieri di Palermo della stazione Resuttana Colli hanno effettuato lo scorso venerdì 6 novembre il sequestro probatorio dell’area, su input del Gip Filippo Serio. Il pubblico ministero non aveva ritenuto di provvedere al sequestro dell’area, ma il Gip ha disatteso il parere del PM, disponendo il sequestro con proprio decreto.

Al di sotto del terreno sarebbero state seppellite strutture lignee, una pedana metallica, lastre ondulate di Eternit, fusti in plastica contenenti residui di vernice, scarti edili, residui di asfalto e tubi in plastica. Insomma una sorta di “bomba ecologica” al di sotto del terreno su cui la magistratura ora vuole vederci chiaro.

Avv. Gioacchino Genchi

La denuncia è partita dal residente, difeso dall’Avv. Gioacchino Genchi: «La società RFI aveva disposto l’esproprio dell’area di proprietà del mio assistito, per effettuare i lavori. La casa è adiacente al cantiere e con le telecamere di sorveglianza il mio assistito ha documentato tutto. Le maestranze dell’impresa incaricata dei lavori hanno invaso le particelle 3092 e 3094 di sua proprietà, depositandovi materiali da costruzione, attrezzi e mezzi d’impresa, sfabbricidi, detriti in muratura e metallici, fusti contenenti olii e vernici».

L’impresa palermitana avrebbe inoltre abbattuto piante di alloro del denunciante, per effettuare buche da riempire col materiale di risulta seppellito.

Il Gip scrive che grazie «ai documenti fotografici e videoriprese prodotte, emerge il “fumus” del reato» espresso nella denuncia-querela depositata dall’Avv. Genchi; e «sussiste inoltre, il presupposto del “periculum”, atteso che le particelle del terreno dove si sarebbero consumati i fatti costituiscono cose pertinenti al reato… Va dunque predisposto il sequestro probatorio».

L’indagine al momento è contro ignoti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.