Palermo: rifiuti speciali sotterrati nel cantiere del Passante Fs, scatta il sequestro | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia è partita da un residente della zona

Palermo: rifiuti speciali sotterrati nel cantiere del Passante Fs, scatta il sequestro | VIDEO

di
8 Novembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Rifiuti speciali sotterrati a pochi passi dalla nuova stazione ferroviaria realizzata a Palermo nei pressi di via Ugo La Malfa. Le immagini in alto – girate in via Pietro Nenni – sembrerebbero documentare operazioni illecite effettuate da un’impresa incaricata dalle Ferrovie per la sistemazione di viale Francia e via Monti Iblei, nell’ambito dell’appalto del Passante ferroviario.

Rifiuti speciali sotterrati in via Pietro Nenni, Foto 07Un residente della zona, insospettito da un continuo via vai di mezzi di cantiere intenti a seppellire scarti edili, sfabbricidi e perfino amianto, ha documentato tutto con le telecamere di videosorveglianza della propria casa, mandando la denuncia e un esposto alla Procura della Repubblica.

Dopo alcuni mesi di indagini e raccolta del materiale probatorio (fotografie e filmati) i carabinieri di Palermo della stazione Resuttana Colli hanno effettuato lo scorso venerdì 6 novembre il sequestro probatorio dell’area, su input del Gip Filippo Serio. Il pubblico ministero non aveva ritenuto di provvedere al sequestro dell’area, ma il Gip ha disatteso il parere del PM, disponendo il sequestro con proprio decreto.

Al di sotto del terreno sarebbero state seppellite strutture lignee, una pedana metallica, lastre ondulate di Eternit, fusti in plastica contenenti residui di vernice, scarti edili, residui di asfalto e tubi in plastica. Insomma una sorta di “bomba ecologica” al di sotto del terreno su cui la magistratura ora vuole vederci chiaro.

Avv. Gioacchino Genchi

La denuncia è partita dal residente, difeso dall’Avv. Gioacchino Genchi: «La società RFI aveva disposto l’esproprio dell’area di proprietà del mio assistito, per effettuare i lavori. La casa è adiacente al cantiere e con le telecamere di sorveglianza il mio assistito ha documentato tutto. Le maestranze dell’impresa incaricata dei lavori hanno invaso le particelle 3092 e 3094 di sua proprietà, depositandovi materiali da costruzione, attrezzi e mezzi d’impresa, sfabbricidi, detriti in muratura e metallici, fusti contenenti olii e vernici».

L’impresa palermitana avrebbe inoltre abbattuto piante di alloro del denunciante, per effettuare buche da riempire col materiale di risulta seppellito.

Il Gip scrive che grazie «ai documenti fotografici e videoriprese prodotte, emerge il “fumus” del reato» espresso nella denuncia-querela depositata dall’Avv. Genchi; e «sussiste inoltre, il presupposto del “periculum”, atteso che le particelle del terreno dove si sarebbero consumati i fatti costituiscono cose pertinenti al reato… Va dunque predisposto il sequestro probatorio».

L’indagine al momento è contro ignoti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin