Palermo: rinnovato protocollo antimafia tra Prefettura, Comune e municipalizzate :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

l'annuncio

Palermo: rinnovato protocollo antimafia tra Prefettura, Comune e municipalizzate

di
10 Giugno 2021

Innalzare il livello di collaborazione e cooperazione fra la prefettura, il Comune di Palermo e le aziende partecipate Amap, Rap, Amg ed Amat promuovendo azioni finalizzate alla prevenzione di possibili infiltrazioni criminali nell’economia legale. Questo l’obiettivo del protocollo tra la Prefettura, il Comune e le partecipate rinnovato oggi.

Il documento prevede principalmente l’estensione delle cautele antimafia nella forma più rigorosa delle “informazioni” all’intera filiera degli esecutori e dei fornitori, ed agli appalti di lavori pubblici sottosoglia. Nell’incontro odierno, in web conference, il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani ha sottolineato l’efficacia della collaborazione da tempo avviata con l’amministrazione comunale volta ad assicurare maggiori controlli nelle attività contrattuali, specificatamente nel mondo degli appalti, dei lavori pubblici delle forniture e dei relativi sub contratti di filiera.

L’accordo odierno consente quindi di proseguire l’attività di cooperazione allo scopo di intercettare, con carattere di tempestività, i sempre più raffinati tentativi della mafia di infiltrarsi nelle diverse attività economiche, attività che assume particolare significato in siffatta congiuntura, alla vigilia di una prevista, e attesa, fase di ripresa economica. Il prefetto ha altresì richiamato l’attenzione degli amministratori locali sul tema della sicurezza sui luoghi di lavoro, sottolineando l’importanza di una attenta azione di vigilanza

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin