Palermo, ripartono i cantieri dell'Anello Fs: "Nuove misure anti Coronavirus" :ilSicilia.it
Palermo

Sottoscritto il protocollo coi sindacati degli edili

Palermo, ripartono i cantieri dell’Anello Fs: “Nuove misure anti Coronavirus”

di
22 Aprile 2020

Ripartono i cantieri edili con la sottoscrizione dei protocolli di sicurezza per il contenimento del Covid-19. Il primo è stato firmato tra la D’Agostino Costruzioni, impegnata nei lavori dell’Anello ferroviario di Palermo, le organizzazioni sindacali degli edili di Feneal, Filca, Fillea e l’organismo paritetico Panormedil Cpt.

I protocolli, che i sindacati degli edili auspicano siano condivisi e sottoscritti con la maggior parte delle imprese sulla falsariga di quello per l’Anello ferroviario, consentiranno la riapertura dei cantieri garantendo la sicurezza e la tutela dei lavoratori.

Gli operai dell’Anello ferroviario saranno controllati all’ingresso del cantiere da una figura preposta che rivelerà la temperatura e chiederà l’autocertificazione, nella quale i lavoratori dovranno specificare di non essere stati a contatto con soggetti che hanno contratto il Coronavirus.

Drop Mask cantieri, appalti, costruzioni, coronavirus,A tutti saranno forniti i DPI, saranno sanificati i locali, gli spogliatoi e i dormitori, sarà consentito solo l’uso individuale dei mezzi aziendali, e previste distanze di sicurezza e accesso  a mensa in fasce orarie alternate, in modo da non creare  assembramenti.

Al protocollo, Feneal Filca e Fillea arrivano dopo una discussione con l’azienda sulle  modalità di governo della Fase 2, ovvero la  riorganizzazione dei cantieri per la consentire la ripartenza del sistema produttivo del settore delle costruzioni.

“Sicurezza e  organizzazione del lavoro diventano gli strumenti  fondamentali per la ripartenza dei cantieri – dichiarano Pasquale De Vardo, segretario generale  Feneal Uil tirrenica, Francesco Danese, segretario generale Filca Cisl Palermo Trapani e Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo  –  L’impresa D’Agostino, adottando il protocollo, con l’impostazione data, che abbiamo verificato recandoci in cantiere, è riuscita a riorganizzare il lavoro seguendo in maniera pedissequa i protocolli già sottoscritti il 14 marzo con Cgil, Cisl Uil, quello sulle linee guida per i cantieri e il protocollo tra le parti datoriali e le organizzazioni sindacali nazionali”.

I sindacati degli edili chiedono la vigilanza continua nei posti di lavoro, per verificare l’applicazione delle norme di sicurezza nei cantieri che ripartono.  “In questa fase – aggiungono De Vardo, Danese e Ceraulo – diventa strategico il monitoraggio delle disposizioni in materia di contenimento del coronavirus. In tal senso abbiamo predisposto una nota indirizzata alla Prefettura di Palermo che, con l’ultimo Dpcm del 10 aprile, è il  soggetto preposto al controllo e al monitoraggio.  In una fase così delicata,  considerate le condizioni  di criticità in cui già versa il settore delle costruzioni, bisogna a tutti i costi evitare il rischio di una sottovalutazione dell’adozione delle  misure si sicurezza previste. La difficoltà nel reperire i dispositivi di protezione individuale potrebbe indurre qualche impresa a bypassare alcuni passaggi inseguendo l’esigenza della riapertura.  Noi chiediamo  accortezza: prima di riaprire i cantieri, le imprese si organizzino. Ripartire senza l’assoluta certezza della protezione e salvaguardia dei lavoratori  rischia di inficiare il lavoro di contenimento del Covid fatto in questi due mesi”.

“Il  percorso obbligatorio di messa in sicurezza potrebbe mettere  in evidenza la difficoltà di interfacciarsi con le piccole imprese, che per lo più hanno utilizzato gli ammortizzatori sociali – aggiungono i segretari di Feneal, Filca e Fillea –  La preoccupazione è che le imprese non strutturate non siano in condizioni di poter ripartire. E quindi auspichiamo l’apertura di un confronto anche con le piccole e medie imprese”.

Tra le novità introdotte nel protocollo, il ruolo della Scuola edile Cpt, che avrà il compito di supportare l’impresa settimanalmente, al fine di consentire un maggiore controllo e rispetto del protocollo.

Ing. Roberto Di Maria - Palermo in Progress
Ing. Roberto Di Maria

IL PUNTO DELL’ESPERTO

«Attualmente – spiega l’Ing. Roberto Di Maria, di “Palermo in Progress” –  lungo il tracciato dell’Anello ferroviario si lavora soltanto in via Emerico Amari, tra via Roma e via Wagner, nella cosiddetta Area 6. Qui si sta lavorando per consentire la realizzazione del nuovo collettore fognario, che deve passare al di sopra della galleria in costruzione in corrispondenza dell’incrocio con via Roma.

Nei giorni scorsi sono state posate le condutture in acciaio al di sopra del solettone di copertura; in questi giorni si sta procedendo ai collegamenti alle due estremità ed al ricoprimento della tubazione. Contemporaneamente, si sta completando il solettone di copertura della galleria tra via Roma e via Wagner. Invece, devono ancora riprendere i lavori relativi ad altre aree attive prima dell’emergenza sanitaria, vale a dire in piazza Castelnuovo, nell’area portuale prossima al varco S. Lucia (stazione Porto), ed in via Sicilia angolo viale Lazio (stazione Libertà)».

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità

Crac Tecnis, ora “trema” pure la Amec: a rischio stop il collettore fognario di Palermo?

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin