Palermo, ripartono i cantieri dell'Anello Fs: "Nuove misure anti Coronavirus" :ilSicilia.it
Palermo

Sottoscritto il protocollo coi sindacati degli edili

Palermo, ripartono i cantieri dell’Anello Fs: “Nuove misure anti Coronavirus”

di
22 Aprile 2020

Ripartono i cantieri edili con la sottoscrizione dei protocolli di sicurezza per il contenimento del Covid-19. Il primo è stato firmato tra la D’Agostino Costruzioni, impegnata nei lavori dell’Anello ferroviario di Palermo, le organizzazioni sindacali degli edili di Feneal, Filca, Fillea e l’organismo paritetico Panormedil Cpt.

I protocolli, che i sindacati degli edili auspicano siano condivisi e sottoscritti con la maggior parte delle imprese sulla falsariga di quello per l’Anello ferroviario, consentiranno la riapertura dei cantieri garantendo la sicurezza e la tutela dei lavoratori.

Gli operai dell’Anello ferroviario saranno controllati all’ingresso del cantiere da una figura preposta che rivelerà la temperatura e chiederà l’autocertificazione, nella quale i lavoratori dovranno specificare di non essere stati a contatto con soggetti che hanno contratto il Coronavirus.

Drop Mask cantieri, appalti, costruzioni, coronavirus,A tutti saranno forniti i DPI, saranno sanificati i locali, gli spogliatoi e i dormitori, sarà consentito solo l’uso individuale dei mezzi aziendali, e previste distanze di sicurezza e accesso  a mensa in fasce orarie alternate, in modo da non creare  assembramenti.

Al protocollo, Feneal Filca e Fillea arrivano dopo una discussione con l’azienda sulle  modalità di governo della Fase 2, ovvero la  riorganizzazione dei cantieri per la consentire la ripartenza del sistema produttivo del settore delle costruzioni.

“Sicurezza e  organizzazione del lavoro diventano gli strumenti  fondamentali per la ripartenza dei cantieri – dichiarano Pasquale De Vardo, segretario generale  Feneal Uil tirrenica, Francesco Danese, segretario generale Filca Cisl Palermo Trapani e Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo  –  L’impresa D’Agostino, adottando il protocollo, con l’impostazione data, che abbiamo verificato recandoci in cantiere, è riuscita a riorganizzare il lavoro seguendo in maniera pedissequa i protocolli già sottoscritti il 14 marzo con Cgil, Cisl Uil, quello sulle linee guida per i cantieri e il protocollo tra le parti datoriali e le organizzazioni sindacali nazionali”.

I sindacati degli edili chiedono la vigilanza continua nei posti di lavoro, per verificare l’applicazione delle norme di sicurezza nei cantieri che ripartono.  “In questa fase – aggiungono De Vardo, Danese e Ceraulo – diventa strategico il monitoraggio delle disposizioni in materia di contenimento del coronavirus. In tal senso abbiamo predisposto una nota indirizzata alla Prefettura di Palermo che, con l’ultimo Dpcm del 10 aprile, è il  soggetto preposto al controllo e al monitoraggio.  In una fase così delicata,  considerate le condizioni  di criticità in cui già versa il settore delle costruzioni, bisogna a tutti i costi evitare il rischio di una sottovalutazione dell’adozione delle  misure si sicurezza previste. La difficoltà nel reperire i dispositivi di protezione individuale potrebbe indurre qualche impresa a bypassare alcuni passaggi inseguendo l’esigenza della riapertura.  Noi chiediamo  accortezza: prima di riaprire i cantieri, le imprese si organizzino. Ripartire senza l’assoluta certezza della protezione e salvaguardia dei lavoratori  rischia di inficiare il lavoro di contenimento del Covid fatto in questi due mesi”.

“Il  percorso obbligatorio di messa in sicurezza potrebbe mettere  in evidenza la difficoltà di interfacciarsi con le piccole imprese, che per lo più hanno utilizzato gli ammortizzatori sociali – aggiungono i segretari di Feneal, Filca e Fillea –  La preoccupazione è che le imprese non strutturate non siano in condizioni di poter ripartire. E quindi auspichiamo l’apertura di un confronto anche con le piccole e medie imprese”.

Tra le novità introdotte nel protocollo, il ruolo della Scuola edile Cpt, che avrà il compito di supportare l’impresa settimanalmente, al fine di consentire un maggiore controllo e rispetto del protocollo.

Ing. Roberto Di Maria - Palermo in Progress
Ing. Roberto Di Maria

IL PUNTO DELL’ESPERTO

«Attualmente – spiega l’Ing. Roberto Di Maria, di “Palermo in Progress” –  lungo il tracciato dell’Anello ferroviario si lavora soltanto in via Emerico Amari, tra via Roma e via Wagner, nella cosiddetta Area 6. Qui si sta lavorando per consentire la realizzazione del nuovo collettore fognario, che deve passare al di sopra della galleria in costruzione in corrispondenza dell’incrocio con via Roma.

Nei giorni scorsi sono state posate le condutture in acciaio al di sopra del solettone di copertura; in questi giorni si sta procedendo ai collegamenti alle due estremità ed al ricoprimento della tubazione. Contemporaneamente, si sta completando il solettone di copertura della galleria tra via Roma e via Wagner. Invece, devono ancora riprendere i lavori relativi ad altre aree attive prima dell’emergenza sanitaria, vale a dire in piazza Castelnuovo, nell’area portuale prossima al varco S. Lucia (stazione Porto), ed in via Sicilia angolo viale Lazio (stazione Libertà)».

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità

Crac Tecnis, ora “trema” pure la Amec: a rischio stop il collettore fognario di Palermo?

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.