Palermo: ripartono i lavori sulle strade ex provinciali :ilSicilia.it
Palermo

abbandonate dal 2011 a oggi

Palermo: ripartono i lavori sulle strade ex provinciali

17 Febbraio 2020

Si ritorna ad investire sulla viabilità provinciale. La Direzione viabilità ha infatti ricominciato a utilizzare le risorse per gli interventi di manutenzione straordinaria più urgenti sui 2.200 Km di strade abbandonate a loro stesse dal 2011 ad oggi, con l’avvio delle prime gare di appalto per un ammontare di 5.264.300,00 euro.

Oggetto di questi primi interventi saranno strade rese impraticabili per la caduta di un ponte o dagli eventi atmosferiche e strade praticabili con forti limitazioni di transito .

Dopo la verifica dei documenti le ditte aggiudicatarie provvederanno ad iniziare i lavori che si dovranno concludere entro l’anno in corso.

Nel frattempo, grazie alla collaborazione con l’Università di Palermo (DICAM) si è quasi completata la progettazione esecutiva sull’asse viario Corleone-Partinico su cui l’Ufficio tecnico della direzione viabilità ha redatto i seguenti progetti esecutivi: SP2 Partinico-San Cipirrello 2.100.000,00 euro, SP4 frana al Km 9,00 4.000.000,00 euro, SP4 frana al Km 9,50 5.350.000,00 euro,  SP4 asse viario Corleone-frane 4.748.000,00 e SP4 asse viario frane-San Cipirrello 7.500.000,00, i quali attendono i finanziamenti sia regionali sia nazionali già programmati mentre l’ultima dovrebbe invece rientrare nei finanziamenti assegnati alla Città Metropolitana di Palermo con il decreto mille proroghe.

In ogni caso, l’intero pacchetto dei progetti esecutivi redatti ammonta a 19.307.950,00 euro e i lavori saranno posti in gara dall’Ufficio contratti o dall’UREGA (ufficio regionale gare) a seconda degli importi a base d’asta.

Permane forte in Sicilia, come nelle altre regioni italiane, l’esigenza sollecitata dall’ANCI, di un intervento organico dell’Anas per le strade ex provinciali la cui criticità mortifica ed isola vaste zone della nostra regione. Per questo ancor più vanno ringraziati i Sindaci, gli operatori economici ed i cittadini delle aree interessate, perché attraverso il loro personale coinvolgimento e la loro preziosa collaborazione è possibile monitorare e individuare gli interventi da fare sul territorio. Un apprezzamento particolare va rivolto alle strutture burocratiche della Città Metropolitana di Palermo per l’impegno e il lavoro costante che garantisce la cura delle strade di propria competenza, malgrado i vincoli finanziari nazionali e i tagli di trasferimenti nazionali e regionali e nonostante la grande criticità degli enti intermedi in Sicilia” ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona