Palermo rischia un'altra incompiuta: bloccati pure i lavori del Collettore fognario | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

"Fondi spariti"

Palermo rischia un’altra incompiuta: bloccati pure i lavori del Collettore fognario | FOTO

di
24 Giugno 2019
L'area di cantiere al Foro Italico
[Foto D.G.]
MAPPA Tracciato collettore Sistema Cala [Foto D.G.]

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Finisce risucchiata nel “vortice” delle incompiute di Palermo anche il Collettore fognario “Sistema Cala” , subappaltato dalla Tecnis alla Sikelia (e raggruppati ne “La Cala scarl”).

I lavori per il “Disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto” sono bloccati. Da 3 mesi infatti, i 20 lavoratori impegnati al cantiere non ricevono gli stipendi. Per questo la Fillea Cgil oggi ha indetto uno sciopero con un sit-in sotto la Ragioneria generale del Comune, in via Roma.

L’ultimo stipendio è stata pagato a febbraio. “L’azienda – spiega il segretario generale della Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulosi era impegnata, con un accordo con la Fillea,  a pagare le  spettanze ai lavoratori non appena avesse incassato gli stati di avanzamento lavori degli ultimi mesi.  Ma così non è andata. E ora il cantiere rischia di fermarsi”. 

collettore fognario presidio FilleaLa Fillea ha verificato che la Regione ha erogato una settimana fa, con un decreto di finanziamento, 1 milione 300 mila euro, somme che il Comune avrebbe dovuto stornare alla società “La Cala Scarl”.

“Abbiamo invece informalmente appreso dalla Ragioneria del Comune che i soldi transitati dalla Regione  e depositati in un fondo comune, non sono più disponibili perché sono stati utilizzati per far fronte ad altro – aggiunge Ceraulo –  Per la Fillea questa è una notizia paradossale. Con i lavoratori oggi si è deciso di  proclamare  lo sciopero di tutte le maestranze. Siamo sotto la Ragioneria del Comune, con un presidio dei  lavoratori, per avere contezza di queste somme non arrivate a destinazione alla società”.

La lentezza dei procedimenti della macchina burocratica comunale – conclude Ceraulo – rischia seriamente di far bloccare un’opera strategica per tutta la città. Auspichiamo che lunedì la ragioneria  dia risposte precise sui pagamenti per risolvere la vertenza in atto e far ripartire il cantiere in condizioni di normalità”.

 

LEGGI ANCHE:

Anello Ferroviario: un cantiere infinito che non salverà Palermo dal traffico

Crisi Tecnis, mezza Sicilia al collasso: ecco tutti gli appalti a rischio

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.