Palermo rischia un'altra incompiuta: bloccati pure i lavori del Collettore fognario | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

"Fondi spariti"

Palermo rischia un’altra incompiuta: bloccati pure i lavori del Collettore fognario | FOTO

24 Giugno 2019
L'area di cantiere al Foro Italico
[Foto D.G.]
MAPPA Tracciato collettore Sistema Cala [Foto D.G.]

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Finisce risucchiata nel “vortice” delle incompiute di Palermo anche il Collettore fognario “Sistema Cala” , subappaltato dalla Tecnis alla Sikelia (e raggruppati ne “La Cala scarl”).

I lavori per il “Disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto” sono bloccati. Da 3 mesi infatti, i 20 lavoratori impegnati al cantiere non ricevono gli stipendi. Per questo la Fillea Cgil oggi ha indetto uno sciopero con un sit-in sotto la Ragioneria generale del Comune, in via Roma.

L’ultimo stipendio è stata pagato a febbraio. “L’azienda – spiega il segretario generale della Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulosi era impegnata, con un accordo con la Fillea,  a pagare le  spettanze ai lavoratori non appena avesse incassato gli stati di avanzamento lavori degli ultimi mesi.  Ma così non è andata. E ora il cantiere rischia di fermarsi”. 

collettore fognario presidio FilleaLa Fillea ha verificato che la Regione ha erogato una settimana fa, con un decreto di finanziamento, 1 milione 300 mila euro, somme che il Comune avrebbe dovuto stornare alla società “La Cala Scarl”.

“Abbiamo invece informalmente appreso dalla Ragioneria del Comune che i soldi transitati dalla Regione  e depositati in un fondo comune, non sono più disponibili perché sono stati utilizzati per far fronte ad altro – aggiunge Ceraulo –  Per la Fillea questa è una notizia paradossale. Con i lavoratori oggi si è deciso di  proclamare  lo sciopero di tutte le maestranze. Siamo sotto la Ragioneria del Comune, con un presidio dei  lavoratori, per avere contezza di queste somme non arrivate a destinazione alla società”.

La lentezza dei procedimenti della macchina burocratica comunale – conclude Ceraulo – rischia seriamente di far bloccare un’opera strategica per tutta la città. Auspichiamo che lunedì la ragioneria  dia risposte precise sui pagamenti per risolvere la vertenza in atto e far ripartire il cantiere in condizioni di normalità”.

 

LEGGI ANCHE:

Anello Ferroviario: un cantiere infinito che non salverà Palermo dal traffico

Crisi Tecnis, mezza Sicilia al collasso: ecco tutti gli appalti a rischio

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.