Palermo: rivoluzione del traffico per le festività natalizie fra le proteste :ilSicilia.it
Palermo

scatta la maxi isola pedonale in centro

Palermo: rivoluzione del traffico per le festività natalizie fra le proteste

6 Dicembre 2019

Cambia la viabilità a Palermo in vista delle festività natalizie.

Il servizio Mobilità Urbana del Comune ha emanato un’ordinanza di chiusura al transito veicolare di via Ruggero Settimo e l’istituzione del senso unico di marcia in piazza Castelnuovo/via Dante (primo tratto).

In pratica la novità più sostanziale sarà una maxi isola pedonale che andrà dal Politeama fino ai Quattro Canti. E questo nel bel mezzo del periodo più caldo per lo shopping in città, con la via Ruggero Settimo inibita alle auto.

Una vera e propria rivoluzione del traffico veicolare, già gravato dai numerosi cantieri presenti nel centro città. Sul cambio della viabilità, all’interno del capoluogo siciliano, canta vittoria l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania: “Malgrado l’avanzare del cantiere dell’anello ferroviario reputiamo sia importante continuare a garantire la mobilità pedonale dei cittadini in occasione delle Festività natalizie, sapendo che questo è un grande vantaggio per tutta la città e per le attività economiche“.

Chi si dice totalmente contrario e parla di “effetti disastrosi” è, invece, Marco Frasca Polara, presidente del VIII circoscrizione: “Con la chiusura di via Amari gli effetti di questo provvedimento saranno disastrosi. L’isola pedonale di via Ruggero Settimo, adottata sino ad ora nei fine settimana, ha messo in ginocchio la circolazione nella zona del Politeama. Bisognerebbe, invece, istituire il doppio senso di marcia in via Turati per provare ad alleggerire la circolazione, specialmente in questo periodo di feste. L’amministrazione si è dimostrata ancora una volta sorda“.

 

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.