Palermo, rivoluzione Ztl nel centro città. Via libera alle auto il sabato mattina :ilSicilia.it
Palermo

E Ferrandelli attacca: "Solo una manovra elettorale di Orlando"

Palermo, rivoluzione Ztl nel centro città. Via libera alle auto il sabato mattina

di
21 Marzo 2017

Neanche il tempo di mettere a punto le nuove telecamere, che la Giunta Orlando decide di fare un passo indietro sulla Ztl. Addio controlli il sabato mattina. È questa la novità su cui sta lavorando l’assessore al Traffico Giusto Catania: niente auto da via Cavour a piazza Giulio Cesare e da Porta Nuova a Porta Felice, solo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20.

Il provvedimento, stando a quanto riferiscono da Comune, deriva dai recenti risultati sull’inquinamento. Per Giusto Catania la minore incidenza di traffico in Centro e i dati sul netto calo delle polveri inquinanti dimostrano che non c’è più la necessità di vietare l’ingresso alle vetture dentro la Zona a Traffico Limitato il sabato mattina. Questo perché il sabato mattina diminuiscono gli spostamenti casa-lavoro, visto che molti uffici sono chiusi. Il via libera alle auto nella zona “off-limits” di contro garantirà maggiori possibilità di accesso ai negozi e ai mercati storici nei weekend.

 

Presto dunque sarà messa a punto una nuova ordinanza che ufficializzerà le nuove disposizioni. C’è già chi, tra i candidati a sindaco, storce il naso e ipotizza una manovra elettorale Orlandiana. Di questo avviso è Fabrizio Ferrandelli: «La rimodulazione delle Ztl è chiaramente una manovra elettorale e dimostra ciò che noi abbiamo sempre sostenuto, ovvero che il piano del Comune sulla Zona a traffico limitato, così com’è adesso, non funziona. Un piano inefficace e strampalato, ma soprattutto non condiviso né con i cittadini né tanto meno con i commercianti che ancora oggi ne stanno subendo le conseguenze. Questa mossa strategica – prosegue Ferrandelli –  non servirà all’Amministrazione per recuperare consenso. L’ascolto infatti, lo si doveva fare mesi fa quando cittadini e commercianti sono scesi in strada per protestare. Ora i danni sono enormi e toccherà a qualcun altro porvi rimedio, non certo a chi li ha causati.  Ogni decisione che riguarda la città va infatti condivisa con i cittadini ed è per questo – conclude Ferrandelli – che ho organizzato un’assemblea sul tema della mobilità, domenica mattina».

 

Ma c’è anche chi – soprattutto tra i pochi commercianti “superstiti” di via Roma – esulta, vedendo il passo indietro (o di lato) di Orlando come una mossa vincente per far rinascere l’asse viario storico della città.

Intanto procedono i preparativi tecnici per le nuove telecamere. Dopodomani terminerà il mese di pre-esercizio del sistema di videocontrollo e saranno operative al 100%. Salvo rinvii o cambiamenti dell’ultimo momento, dal 23 marzo dovrebbero scattare le multe per tutti coloro che oltrepasseranno i varchi, sprovvisti di pass.

Qui in basso la mappa navigabile della ZTL con i 5 varchi monitorati dagli occhi elettronici: Porta Felice, via Porto Salvo, via Roma (altezza Stazione), via Gagini e via Volturno (alle spalle del Massimo).

Visualizza a schermo intero

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin