Palermo, rompevano ossa per truffare le assicurazione: ecco le condanne della Corte di appello :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Palermo, rompevano ossa per truffare le assicurazione: ecco le condanne della Corte di appello

di
19 Novembre 2021

La quarta sezione della Corte di appello di Palermo, presieduta da Vittorio Anania, ha condannato i componenti della banda che metteva a segno le truffe alle assicurazioni a Palermo provocando danni fisici e menomazioni a persone indigenti che, in cambio di denaro, si facevano fratturare gli arti simulando incidenti stradali. I luoghi della truffa realizzata ai danni di disperati erano un’agenzia di disbrigo pratiche in via Leonardo Da Vinci, un’agenzia di scommesse in via Pietro Scaglione e la stalla in via Mango nel quartiere Borgo Nuovo, dove venivano spezzate le ossa alle vittime.

I giudici hanno condannato: Salvatore Andrea Cintura e Luca Reina, che dovranno scontare 13 anni e 2 mesi ciascuno, circa due in più a testa rispetto alla prima sentenza; Domenico Cintura ha avuto 6 anni; Alessio Cappello, Antonino Buscemi e Giuseppe Orfeo 5 anni e 8 mesi a testa; Giovanni Viviano 4 anni; Giuseppe Cintura e Giuseppe Monti 3 anni e 2 mesi; Cristoforo Vincenzo Renna 3 anni; Salvatore Fasullo 2 anni, 10 mesi e 20 giorni; Cristian Neri 1 anno e 10 mesi; Giovanni Armanno 1 anno e 6 mesi; Francesco Mutolo 1 anno e 4 mesi; Salvatore Chiodo 1 anno e 3 mesi; Francesco Tosco e Francesco Dragotto 1 anno ciascuno; Franco Arnone 9 mesi e 20 giorni. Unici assolti Giuseppe Gallo (difeso dall’avvocato Dario Gallo) e Angelo Lo Pinto. Giovanni Napoli, ha avuto 4 anni e 10 mesi. Gli imputati erano difesi tra gli altri dagli avvocati Antonio Turrisi, Teresa Re, Daniele Giambruno.

Per gli altri imputati sono arrivate le conferme delle condanne decise il 30 aprile 2020 dal Gup del Tribunale Annalisa Tesoriere. Ad Alessandro Bova, difeso dall’avvocato Cinzia Pecoraro, è stata confermata la condanna a 4 anni e 8 mesi e per lui l’appello della Procura è stato respinto; poi Vito Virzì ha avuto 3 anni, Manlio Lo Piccolo 10 mesi, Concetta Di Carlo 8 mesi, Silvestro Lo Sasso 2 anni e 10 mesi, Letterio Maranzano 1 anno e 4 mesi, Giuseppe Bondini 10 mesi, Cristian Neri 2 anni, Giovanni Armanno 1 anno e 8 mesi, Franco Arnone, Domenico Celesia, Davide Giammona e Giovanni Calì 10 mesi ciascuno, Leonarda Amato e Rita Arceri 1 anno a testa, Davide Mendola 1 anno e 20 giorni, Giovanni Zinna 1 anno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin