Palermo. Salta la seduta del Consiglio comunale: in sospeso l'anno della cultura e il ponte Corleone :ilSicilia.it
Palermo

fatto che denota una paralisi e immobilismo dei lavori in Aula

Palermo. Salta la seduta del Consiglio comunale: in sospeso l’anno della cultura e il ponte Corleone

di
16 Marzo 2018

Ancora una volta è saltata la seduta del Consiglio comunale di Palermo, fatto che denota una paralisi e immobilismo dei lavori in Aula, ”oggi le opposizioni attendevano l’assessore Andrea Cusumano, che non si è presentato – afferma il consigliere Giulio Cusumano – e questo non ha permesso alle opposizioni di chiedere e fare domande in merito l’organizzazione degli eventi relativa a ”Palermo capitale della cultura 2018”.

Personalmente non comprendo – continua il consigliere – nonostante la stima per l’assessore Cusumano, il perché i Teatri privati della città, che hanno un numero di abbonati notevolmente superiore ai teatri pubblici, non vengono considerati e i loro cartelloni e i loro spettacoli continuano a non essere inseriti in “Palermo capitale della cultura” “.

Giornate difficili in Consiglio comunale in cui si respira un’aria pesante, dove insorgono le opposizioni con Fabrizio Ferrandelli che ha annunciato, precedentemente, due mozioni di sfiducia per quanto riguarda le inadempienze nel settore cultura e opere pubbliche e in particolar modo per la questione che riguarda il Ponte Corleone.

Questioni che rimangono sospese nonostante la richiesta di Ugo Forello consigliere del M5s di un confronto con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e la sua Giunta: “Il Consiglio Comunale è clinicamente morto, oggi la riunione è stata chiusa, per volere del presidente Totò Orlando, dopo appena sette minuti. L’organo è incapace di dare risposte e di esercitare le proprie funzioni di controllo.

Sono settimane che non si delibera alcunché e, nello stesso tempo, non si sono ricevute le dovute informazioni su questioni molto importanti di interesse per la città, dal ponte Corleone ai cantieri di open fibra, agli affidamenti diretti e incarichi assegni dal settore cultura. 

Fatto altrettanto grave è che l’Organo sovrano del comune di Palermo è stato anche preso in giro e svilito da Assessori della Giunta, come l’Ass. Cusumano, che ieri mattina non si è presentato in aula a causa (secondo quanto è stato riferito dalla presidenza) di un attacco di febbre alta che non gli ha impedito, però, di presenziare, nel pomeriggio della stessa giornata, alla riunione del Comitato Scientifico di Palermo Capitale della cultura”.

Rincara la dose la consigliera Sabrina Figuccia che afferma “Giulio Tantillo e Giusto Catania litigano come i capponi di Renzo, il protagonista dei “Promessi Sposi”, per motivi risibili soltanto per affermare una propria presunta leadership, ma a farne le spese è l’intera città, che ne paga pesantemente le conseguenze con l’ennesima seduta a vuoto del Consiglio Comunale.

Mentre la città sprofonda sempre di più – continua la Figuccia –  mentre la crisi economica non finisce di mordere i palermitani, l’esponente forzista e quello della sinistra radicale continuano ad accapigliarsi per questioni futili.

Tutto questo avviene, mentre l’assessore alla Cultura Andrea Cusumano, che si sarebbe dovuto presentare in Aula, continua a snobbare il Consiglio, probabilmente per evitare di dare scomode risposte sulle manifestazioni culturali cittadine”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin