Palermo, Samonà: "Riaprono palazzo Abatellis, palazzo Mirto e l’Oratorio dei Bianchi" :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio dell'assessore dei Beni cuturali e dell'Identità siciliana

Palermo, Samonà: “Riaprono palazzo Abatellis, palazzo Mirto e l’Oratorio dei Bianchi”

di
17 Maggio 2021

Da domani, la Galleria di Palazzo Abatellis, Palazzo Mirto e l’Oratorio dei Bianchi riaprono le porte ai visitatori con tre distinte iniziative che mettono in evidenza l’identità di ciascun sito e la varietà delle collezioni.

“Durante la fase di chiusura – sottolinea l’assessore dei Beni cuturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonàl’attività di conservazione, ricerca e riordino all’interno dei Parchi e dei Musei siciliani non si è mai interrotta grazie al lavoro delle professionalità interne che hanno provveduto alla cura delle raccolte, quelle esposte e quelle dei depositi. Le iniziative proposte dalla Galleria Abatellis e dalle sedi di Palazzo Mirto e dall’Oratorio dei Bianchi ne sono una pratica espressione che offre, a quanti ben conoscono i tre siti, una rinnovata occasione di visita”.

In particolare “la ricca e preziosa collezione grafica di Palazzo Abatellis – precisa Evelina de Castro, direttrice della Galleria regionale di Palazzo Abatellis – custodisce il disegno raffigurante la Madonna inginocchiata in preghiera, riconosciuto dagli specialisti come opera di Andrea Verrocchio, il grande artista del Quattrocento fiorentino, ricordato dalle fonti come il maestro di Leonardo. L’opera del Verrocchio, scultore e disegnatore, apriva la mostra di Leonardo al Louvre nel 2019, centenario della morte e nello stesso anno il Verrocchio veniva celebrato a Firenze e poi a Washington. Il disegno di Palazzo Abatellis apre la sezione grafica del catalogo di Washington”.

Di recente la Galleria – ricorda la direttrice De Castro – ha avuto modo di ospitare Johannes Nathan, fra i maggiori esperti di disegno leonardesco, che ha tenuto la sua lectio davanti al nostro Verrocchio, illustrandone i caratteri che ne confermano l’attribuzione“. Le ragioni di salvaguardia non consentono di esporre l’opera alla luce se non per brevi periodi e l’occasione della riapertura ha suggerito l’opportunità di proporla nel raccoglimento della saletta cinquecentesca adiacente la grande sala del Trionfo della Morte.

Quanto a Palazzo Mirto fra le sue raccolte, troviamo le lucerne antropomorfe di Caltagirone, dalle tipiche cromie. Si tratta di un’interessante e varia campionatura di scultura plastica in ceramica applicata agli oggetti d’uso, delle quali le lucerne (la cui modellazione era frutto dell’abilita’ del maestro ceramista), divengono oggetto di collezionismo già nel corso del XVIII e ancor più nel XIX secolo.

L’esposizione mostra una ricca selezione e varietà dei pezzi che, nel piccolo formato e rispondendo ad una tipologia funzionale, offrono una ricca selezione di statuette raffiguranti tipi e costumi popolari dell’epoca. Alcune di queste lucerne recano in mano uno strumento o un animale, altre sono figure virili a cavalcioni su animali fantastici di mitologica valenza. Le tre esposizioni sono: una a Palazzo Abatellis: Di mano del Verrocchio. Un disegno del maestro di Leonardo fino a martedì 25 maggio.

La seconda, a Palazzo Mirto. Figure di luce. Una collezione di lucerne antropomorfe di ceramica di Caltagirone, fino a domenica 20 giugno- La terza, all’Oratorio dei Bianchi: Il senso della vita. Scultura barocca per rappresentare la morte, fino a domenica 20 giugno Orari di apertura: Palazzo Abatellis-Palazzo Mirto dal martedì al sabato 9-19. Domenica e festivi 9-13.30. Oratorio dei Bianchi dal martedìalla domenica e festivi 10-18.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin