Palermo: Santana lascia il calcio giocato ed entra nello staff del club :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

il capitano rosanero lascia il campo

Palermo: Santana lascia il calcio giocato ed entra nello staff del club

di
18 Giugno 2021

Il capitano del Palermo Mario Alberto Santana lascia il calcio giocato ed entra a fare parte dei quadri tecnici del club rosanero.

L’argentino, unico calciatore del club a giocare e segnare in tutte le competizioni disputate dai rosanero dalla D alla Coppa Uefa, farà parte dello staff di allenatori del settore giovanile.

“Accogliendo le istanze del capitano – scrive il Palermo in una nota – il presidente Dario Mirri, l’amministratore delegato Rinaldo Sagramola e tutta la famiglia rosanero gli danno il benvenuto nell’area tecnica della società”.

Santana ha giocato in carriera 475 partite, 127 con la maglia rosanero addosso segnando con il Palermo 9 gol dei 71 realizzati in carriera.

Uno dei ricordi indelebili dei tifosi rosanero resta quella incredibile cavalcata in contropiede sotto la pioggia con un fantastico assist a Luca Toni, al 91° minuto, in Palermo-Roma (era il 27 febbraio 2005).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin